Accedi
Sfoglia la galleryCommenti

Voci dal derby: Fazzini, "Decisivi i duelli agli angoli"

Cereda: "Non abbiamo provocato sufficientemente gli episodi in nostro favore". Il centro svedese Johan Ryno da subito al Lugano?

I toni del post-partita della Cornèr Arena sono piuttosto pacati ed il primo a parlare davanti ai microfoni di TeleTicino è il ds bianconero Hnat Domenichelli: "Il 5-1 è troppo severo per l’Ambrì. Comunque, I tre punti fanno bene alla nostra classifica al termone di una partita nella quale gli arbitri hanno lasciato correre più del solito in pieno stile playoff. Abbiamo giocato bene difensivamente, costruendo propruio lì il successo. Abbiamo il potenziale per chiudere al sesto posto la regular season e cercheremo di ottenerlo con tutte le nostre forze. Per quanto riguarda il possibile nuovo straniero, confermo che stiamo cercando un giocatore" In questo senso (NDR.), il nome del 33enne centro svedese del Färjestad Johan Ryno (vedi foto Wikpedia), che secondo il giornalista dell'Expressen Johan Svensson avrebbe già firmato fino a fine stagione, è poi prontamente rimbalzato anche nei meandri della Cornèr Arena.

Ovviamente soddisfatta la numero uno bianconera Vicky Mantegazza: "È stata una partita dura e rognosa, però, alla fine il risultato è arrivato. Pelletier ha saputo compattare il gruppo, dando il proprio preciso ruolo ad ogni giocatore. Per ora cominciamo a pensare alla qualifica ai playoff, poi vedremo".

Visibilmente sollevato per essere tornato al gol e contento per il successo Luca Fazzini: "Partita sporca, che ci siamo aggiudicati vincendo molti duelli negli angoli. In questo periodo sto cercando di aiutare la squadra in copertura. Ho realizzato un gol sporco, che non sono abitutato a fare. Abbiamo cercato di buttare più dischi sulla porta avveersaria creando problemi alla difesa dell’Ambrì. La squadra è maturata tanto e dopo la brutta sconfitta di Bienne siamo riusciti a tornare immediatamente al successo".

Sul fronte biancoblù, Michael Fora è comprensibilmente deluso dal risultato, ma non dalla prestazione generale della sua squadra: "Ci siamo un po' complicati la vita nel terzo periodo anche perché non mi sembra che loro ci abbiamo schiacciato neppure neppure negli ultimi 20 minuti".

Praticamente sulla stessa linea, il ds biancoblù Paolo Duca: "No, la partita non ci è sfuggita di mano. Le ultime due reti sono giunte negli ultimissimi minuti della gara. Abbiamo esercitato una buona pressione non trovando però il gol del 3-2. Il risultato non rispecchia l’andamento del confronto, anche se non si è trattato della nostra migliore esibizione. Forse abbiamo sentito troppo l’importanza della sfida appesantendoci da soli nei nostri movimenti. Ci siamo giocati bene il coach challenge in occasione del gol poi annullato a Bürgler. In seguito, non abbiamo chiesto il secondo coach challenge sulla rete del 3-1 di Bertaggia perché non ci è sembrata così evidente e sicura l’infrazione sulla linea blù di Loeffel. La classifica non ci condanna affatto, per cui cercheremo con ogni mezzo di staccare un biglietto per i playoff".

Prima riuscita in un derby ticinese per Niklas Schlegel, preferito per l'occasione a Zurkirchen da Pelletier: "Sento la fiducia dell'allenatore ed è per questo motivo che non mi sono sorpreso della sua scelta. È molto speciale giocare un derby ed ancor più bello vincerlo. Sono contento di aver ricevuto una chance dal Lugano con il quale cercherò di raggiungere i playoff".

Deluso dal risultato, ma non del tutto della prestazione dei suoi giocatori Luca Cereda: "È stata una partita relativamente tirata. Il Lugano ha avuto quel pizzico di determinazione in più, che gli ha permesso di vincere meritatamente. Avremmo pututo chiedere il secondo challenge, ma gli arbitri ci hanno subito detto che sarebbe stato praticamente impossibile invertire la loro decisione. Siamo ancora in zona playoff e prendiamo la lezione di questa sera, cercando di provocare attivamente gli episodi in nostro favore già a partire da giovedì a Davos. Non facciamo calcoli, ma ci concentriamo sulla squadra di Ville Peltonen. Siamo fieri di Rocco Pezzullo, che ha fatto bene la sua parte in occasione del suo primo derby".

E proprio il nazionale rossocrociato Under 20 esprime così le sue sensazioni: "Sono riuscito a mantenere la calma e mi sono sentitio abbastanza bene. Sono abituato a giocare fisicamente. Sento la fiducia di Cereda e devo continuare a lavorare per migliorarmi ulteriormente".

La chiusura tocca di diritto a Serge Pelletier: "Questi tre punti sono importanti. Dobbiamo proseguire su questo percorso a 6 giornate dal termine. Dobbiamo continuare a giocare con tanta pazienza senza sbilanciarci troppo. Venerdì andremo a Losanna, per cui dobbiamo pensare a quella sfida anche se possiamo cominciare un po’ a sognare tenendo comunque i piedi ben piantati per terra. Schlegel ha giocato molto bene ed ora possiamo contare su due portieri molto bravi. Per quanto riguarda il mio futuro ne parleremo più in là".

R.Q.

 

Redazione | 11 feb 2020 23:45

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'