Accedi
Commenti

Canottaggio: Debutto convincente nella prima giornata di CdM

Degli otto equipaggi rossocrociati in gara, ben sei hanno raggiunto lo stadio delle semifinali

Poznan – Debutto in gran spolvero per gli armi rossocrociati in gara nella prima giornata di CdM sul lago Malta, caratterizzata dalle bizze meteo che hanno creato non pochi problemi agli organizzatori. Degli otto equipaggi in gara, ben sei hanno raggiunto lo stadio delle semifinali, di cui cinque passando per i ricuperi.

In particolare evidenza il doppio élite di Barnabé Delarze e Roman Rössli, vincitori sia dell’eliminatoria sia nei quarti, dimostrando grande sicurezza molta combattività. Nei quarti, andati in scena nel tardo pomeriggio, l’armo elvetico si è imposto con un crono di 6’28”04. Staccati di 41/100 troviamo i francesi Boucheron e Androdias, campioni del mondo lo scorso anno a Plovdiv. Grande prova anche del 4 senza guidato dal losannese Augustin Maillefer. Il quartetto ha chiuso al secondo rango nella prova d’appello in 6’04”98, staccato di poco più di 1” dall’armo degli Stati Uniti. Soddisfatto il responsabile del settore tecnico federale, Edouard Blanc che ha sempre sostenuto la necessità di dare maggiore impulso alla vogata di punta. Per restare al settore élite da sottolineare il passaggio alle semifinali della singolista Pascal Walker. La zurighese ha portato a termine la prova d’appello al secondo rango, alle spalle della tedesca Annekatrin Thiele, sesta ai mondiali 2018 in Bulgaria.

Ma le soddisfazioni sono proseguite anche nel settore dei pesi leggeri. Nel doppio maschile, sono ben due gli armi rossocrociati che hanno raggiunto lo stadio delle semifinali: Julian Müller e Fiorin Rüedi e gli U23 Matthias Fernandez e Jan Schäuble. In campo femminile, Patricia Merz e Frédérique Rol, terze nella prova d’esordio alle spalle di Nuova zelanda e USA, si sono poi ampiamente riabilitate nel ripescaggio, vinto nel tempo di 7’12”27. Staccato di più di 2” l’armo canadese. Non ce l’ha fatta invece il secondo armo rossocrociato (U23) di Eline Rol e Sofia Meakin. Una prestazione certamente convincente – basti pensare che al passaggio dei 500 metri erano ancora al comando - ciò che fa ben sperare in prospettiva mondiale in programma a fine luglio a Sarasota (Florida). Nulla da fare anche per il singolista Nico Stahlberg. Il turgoviese, secondo nell’eliminatoria, ha concluso al quarto rango il quarto di finale (passavano i primi tre). Si dovrà quindi accontentare di un posto nella finale C (dal 13° al 19° rango).

A.B.

Redazione | 21 giu 2019 20:41

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'