Accedi
Sfoglia la galleryCommenti 68

Finisce il sogno Mondiale della Svizzera

La Nazionale rossocrociata sconfitta per 1-0 dalla Svezia. Decide Forsberg con un tiro deviato da Akanji

Nulla da fare, l’agognata qualificazione ai quarti di finale che manca dal 1954 non arriva neppure questa volta. La Nazionale rossocrociata non riesce a sfondare il muro svedese e viene punita da un tiro (deviato) di Forsberg. Nella formazione di partenza, Petkovic preferisce Zuber ad Embolo e Drmic a Gavranovic e Seferovic, due innesti che nel primo difficile tempo non porta i frutti sperati per la buona organizzazione degli svedesi, che sin dai primi minuti operano una costante pressione alta. Gli scandinavi, va detto, si sono fatti preferire sin dalle prime battute, tanto da causare un doppio brivido lungo la schiena dei ragazzi di Vlado Petkovic in pochi secondi: al 7’ Berg, lanciato solo contro Sommer, che sbuccia maldestramente il tiro appena dentro l’aerea di rigore, un minuto più tardi è lo stesso estremo difensore a ciccare il rinvio, servendo involontariamente Svensson, che verticalizza subito su Berg la cui conclusione viene murata da Akanji e sulla respinta Ekdal non inquadra la porta rossocrociata.

Dopo una ventina di minuti di giochi i ritmi si abbassano e la Svizzera riesce a creare qualcosa anche a livello offensivo, in particolare con un colpo di testa (alto) di Zuber su cross di Shaqiri. Ma sono ancora gli svedesi a rendersi più pericolosi e tocca ancora a Sommer salvare la baracca con un grande intervento su un sinistro ravvicinato di Berg. La Svizzera replica al 38’ con una bella triangolazione tra Zuber e Dzemaili ma la bordata del centrocampista del Bologna sorvola di poco la traversa della porta difesa da Olsen. Al 40’, sul ribaltamento di fronte, una punizione di Forsberg viene deviata dalla barriera e esce di poco alla destra di Sommer. Un minuto dopo altra clamorosa occasione scandinava con Ekdal che, a due metri dalla porta, spara in tribuna un cross interessantissimo di Lustig. La Svizzera, di contro, si riaffida ai lampi di Shaqiri che prova a mettere in area qualche cross facile preda dei centrali scandinavi.

Nei primi minuti della ripresa sono ancora gli svedesi a marcar presenza nella trequarti avversaria e al 48’ è Toivonen a sparare alto sugli sviluppi di una mischia in area. Sul ribaltamento di fronte il solito Shaqiri a non trovare il tempo giusto per concludere in piena area svedese. Alla mezz’ora brutta tegola per la Nazionale con il giallo al diffidato Behrami e 6’ dopo con il vantaggio svedese firmato da Forsberg che converge bene al centro e scarica un tiro abbastanza centrale deviato però irrimediabilmente da Akanji. Anche Xhaka finisce sul taccuino dei cattivi e al 72’ Petkovic si gioca il tutto per tutto togliendo Zuber e Dzemaili per inserire Seferovic e Embolo e passare al 4-2-4. Al 79’ Forsberg salva su un colpo di testa leggermente deviato di Embolo. La Nati tenta l’assedio finale ma i vichinghi erigono una barricata che, grazie anche a un pizzico di fortuna e seppur in grande affanno, riesce a respingere gli assalti rossocrociati.

L’ultima speranza della Svizzera si infrange sulla parata di Olsen sul colpo di testa ravvicinato di Seferovic (91’) e sul rigore decretato dall'arbitro Skomina e poi cambiato in punizione dal limite dopo il consulto con il VAR per fallo da ultimo uomo di Lang (espulso) ai danni del neoentrato Olsson.

Il verdetto finale è impietoso: Svezia che vola meritatamente ai quarti di finale e Svizzera che continua ad essere una 'eterna incompiuta' ancora in attesa del definitivo salto di qualità.

TABELLINO:

Svezia-Svizzera 1-0 (0-0)

Reti: 66’ Forsberg.
Svezia (4-4-2): Olsen; Lustig (82’ Krafth), Nilsson-Lindelof, Granqvist, Augustinsson; Claesson, Svensson, Ekdal, Forsberg (82’ M. Olson); Toivonen, Berg.
Svizzera (4-2-3-1): Sommer; Lang, Djourou, Akanji, Rodriguez; Behrami, G. Xhaka; Shaqiri, Dzemaili (73’ Seferovic), Zuber (73’ Embolo); Drmic.
Note: Krestovski Stadium (San Pietroburgo). 64’042 spettatori. Arbitro: Ammoniti: 30’ Lustig, 61’ Behrami, 67’ G. Xhaka. Espulso: 94’ Lang.

Redazione | 3 lug 2018 17:53

Articoli suggeriti
Le reazioni della politica ticinese alla sconfitta della Nazionale, tra sostegno e le immancabili polemiche...
Shaqiri è l'unico a creare palle-gol, Sommer si supera su Berg. In attacco non si salva nessuno con Drmic che eredita la palma di peggiore da Seferovic
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'