Accedi
Commenti 3

Diego Baratti - Siamo ancora un paese indipendente?

La costituzione Svizzera lo dice chiaramente: “La Confederazione tutela la libertà e i diritti del Popolo e salvaguarda l'indipendenza e la sicurezza del Paese.” (Art. 2 abs. 1) Secondo l’articolo 2 quindi il nostro governo dovrebbe impegnarsi a difendere i nostri diritti e a mantenere la nostra nazione unita, indipendente e sicura. Ma è davvero così?

La risposta è no. Negli ultimi anni la Confederazione si è adoperata nella direzione opposta, ossia quella di smantellare passo per passo la nostra indipendenza, attraverso l’accettazione automatica delle norme europee ed internazionali nel nostro diritto. E le conseguenze sono state disastrose.

Le norme europee sono decise a Bruxelles da parlamentari che non conoscono nulla delle nostre abitudini, delle nostre tradizioni e dei nostri bisogni. Ma noi ci ritroviamo in ogni caso obbligati ad accettare ed applicare quello che gli eurodeputati decidono, senza però poter dire la nostra. Un chiaro e recente esempio è quello sulla controversa direttiva europea delle armi, che anche noi dovremmo adottare, e che andrà fortemente a danneggiare uno degli sport più praticato e amato dagli svizzeri: il tiro sportivo.

La domanda cruciale che quindi dobbiamo porci è: vogliamo continuare in Svizzera a decidere per noi stessi oppure no? Gli svizzeri vogliono poter continuare a determinare da soli quali leggi debbano essere applicate nel nostro paese e noi come popolo vogliamo continuare ad avere un diritto di veto contro una legge che riteniamo inadeguata. Affinché dunque anche le future generazioni possano continuare a vivere, sognare e sperare nel nostro paese vi invito il prossimo 25 novembre a votare SI all’iniziativa per l’autodeterminazione.

Diego Baratti
Vicepresidente Giovani UDC Ticino

Redazione | 8 nov 2018 16:40

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'