Accedi
Commenti

Gianluca Ricci - Il significato odierno del 1° agosto

Sono un giovane cittadino che nel 2015, appena avuta l’occasione, decise di entrare in politica, un mondo che per un motivo o per l’altro sembra allontanarsi sempre di più dalla popolazione e dalle sue esigenze.

Spesso mi è capitato di domandarmi quale futuro vedo per il mio paese, soprattutto visto che tra non molto ci troveremo confrontati a votare su iniziative come l’abolizione della libera circolazione delle persone, l’accordo quadro con l’Unione Europea, la prevalenza del diritto svizzero su quello europeo, la sovranità alimentare nonché la riforma scolastica nel Canton Ticino.

Tutto questo senza ovviamente dimenticare altri temi importanti come la riforma previdenziale, le case anziani, il mercato del lavoro, il dumping salariale, il traffico e i trasporti pubblici.

Queste tematiche penso le si debba affrontare tutti assieme, politici e cittadini oltre gli steccati dei partiti politici, in modo serio, costruttivo e non solo il 1° agosto, ma anche tutti gli altri 364 giorni dell’anno.

In questo senso vorrei approfittarne per lanciare qualche proposta:

Per diminuire il traffico tra Chiasso e Lugano Sud, perché non valutare con l’USTRA la possibilità di costruire un secondo piano di autostrada come sta già succedendo in alcune zone della Svizzera tedesca?
Assolutamente necessario completare la linea di AlpTransit a Sud del Ceneri prima del 2050
È di primaria importanza la costruzione di nuove case anziani, o villaggi intergenerazionali, i quali sono sempre più necessari a causa dell’invecchiamento della popolazione e permettono ai nostri anziani di vivere comodamente in un luogo che li faccia sentire ancora parte integrante della società
Promuovimento di una scuola che riconosca e premi i meriti dei nostri allievi e futuri leader in ogni settore
Favorevole al potenziamento dell’insegnamento del tedesco nella scuola ticinese

Voglio quindi concludere dicendo che dovremmo tutti noi, cittadini di questa repubblica che si fonda sulla democrazia diretta, continuare a lottare affinché il Ticino e la Svizzera, i quali sono dei posti davvero stupendi, continuino a prosperare e come giovane che è anche attivo in politica voglio fare il possibile affinché i miei coetanei abbiano un’istruzione di ottimo livello e finché il Ticino torni ad essere quel posto dove i salari e i lavori siano di qualità e ben retribuiti.

Viva la Svizzera, viva la sua democrazia e auguro a tutti un buon Natale della patria sperando come prima cosa che ritorni in tutti noi quel senso civico come ad esempio andare a votare che sembra stia venendo un po’ a mancare.

Gianluca Ricci
Consigliere Comunale Vacallo
Lega dei Ticinesi

Redazione | 1 ago 2018 12:46

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'