Attivisti alla Conferenza dei direttori finanziari
Si è svolta questa mattina la protesta silenziosa degli attivisti per il clima, che chiedono alla Bns di non investire nei combustibili fossili
di MMINO
Attivisti alla Conferenza dei direttori finanziari
Attivisti alla Conferenza dei direttori finanziari
Attivisti alla Conferenza dei direttori finanziari

Questa mattina, gli attivisti per il clima della Schmiedstube di Berna hanno accolto i direttori finanziari al loro arrivo alla riunione plenaria della Conferenza dei direttori finanziari. In una protesta silenziosa, gli attivisti della campagna svizzera e dell’organizzazione Campax hanno informato i membri della Conferenza della richiesta di convincere la Banca nazionale svizzera a smettere di investire nei combustibili fossili.

Mobilitazione a Berna
La mobilitazione segue a pochi giorni dal “Tour de Climat” (passato anche dal Ticino), in cui gli attivisti hanno visitato in bicicletta tutte le capitali cantonali della Svizzera. I direttori delle finanze dei Cantoni hanno ricevuto ciascuno una petizione con la richiesta. In ricordo del tour, Campax ha inviato ai singoli direttori finanziari una cartolina con una foto della visita al rispettivo cantone in vista dell’odierna assemblea plenaria. “Esortiamo i dipartimenti delle finanze dei Cantoni a essere all’altezza delle loro responsabilità in quanto principali azionisti della Banca nazionale svizzera e a convincere la BNS ad abbandonare gli investimenti nei combustibili fossili”, ha affermato Urs Arnold, responsabile della campagna Campax.

La BNS rifiuta di dare il suo contributo
La Banca nazionale svizzera (BNS) ha finora rifiutato con veemenza di dare il suo contributo al raggiungimento degli obiettivi climatici svizzeri. “Con i suoi investimenti in combustibili fossili, la BNS sta riscaldando notevolmente la catastrofe climatica”, spiegano. Tutto questo – sottolineano – è tutt’altro che compatibile con l’Accordo di Parigi sul clima, firmato anche dalla Svizzera.

  • 1