Cinema svizzero, le donne fanno incetta di premi
I premi per miglior film, sceneggiatura e documentario sono stati assegnati a rappresentanti femminili. I Quartz consegnati in estate
Redazione
Cinema svizzero, le donne fanno incetta di premi
Cinema svizzero, le donne fanno incetta di premi

La cerimonia del Premio del cinema svizzero, che avrebbe dovuto svolgersi venerdì prossimo a Zurigo, sarebbe stata una straordinaria festa delle donne: in qualsiasi categoria siano state nominate registe e attrici, esse hanno vinto il premio; soprattutto nelle categorie principali, con il film "Le milieu de l’horizon" e il documentario "Immer und ewig".

I vincitori

Le donne sono risultate e vincitrici in otto delle undici categorie, annuncia oggi l'Ufficio federale della cultura (UFC) in un comunicato. In particolare, la coproduzione svizzero-belga "Le milieu de l’horizon", di Delphine Lehericey, è stata premiata nella categoria Miglior film. Joanne Giger quale Migliore sceneggiatura per lo stesso film. A "Immer und ewig" di Fanny Bräuning, sono stati assegnati i premi come Miglior documentario e, per la colonna sonora firmata da Olivia Pedroli, come Migliore musica dal film.

"Average Happiness", di Maja Gehrig, è risultato Miglior film d’animazione, mentre a "Isola" di Aurelio Buchwalder e "Still Working di Julietta Korbel è andato a pari merito il riconoscimento come Miglior film di diploma.

Migliori interpreti maschile e femminile sono rispettivamente Sven Schelker, per il ruolo in "Bruno MLe danser - La voce della foresta pluviale", e Miriam Stein, per la parte di Odile in "Moskau Einfach!". Cecilia Steiner l'ha spuntata quale Migliore interpretazione da non protagonista, per il ruolo di Hannah in "Der Büezer".

Basil Da Cunha ha vinto per la Migliore fotografia, nel documentario "O Fim do Mundo", e Jann Anderegg per il Miglior montaggio, in "Baghdad in My Shadow". Il Premio speciale dell’Accademia va al capo tecnico delle luci Ernst Brunner per gli effetti luminosi nei film di fiction "Tambour Battant" e "Sekuritas"

Premiazione rinviata

A causa dell’epidemia di coronavirus i premi di quest’anno, compreso quello d’onore, saranno consegnati in occasione del Locarno Film Festival. Alla vigilia l’UFC renderà noto a chi spetta il Premio d’onore. La prossima edizione del Premio del cinema svizzero si svolgerà a Ginevra il venerdì 26 marzo del 2021.

In sostituzione della cerimonia di premiazione prevista per venerdì prossimo la SSR presenterà "Una serata per il cinema svizzero", con una presentazione da Lugano (RSI), Ginevra (RTS) e Zurigo (SRF) di 7 film. Su RSI saranno proiettati "Ceux qui travaillent", "Quand j'étais Cloclo" e "Amateur Teens". "Immer und ewig" e "Der Goalie bin ig" andranno in onda su SRF . Mentre RTS ha programmato "Fortuna" e "L'Apollon sur gaza".

I vincitori dei Quartz, che non sono dotati di un premio in denaro, sono scelti sulla base delle nomination e delle raccomandazioni dei circa 440 membri dell’Accademia del Cinema Svizzero.