Accedi
Sfoglia la galleryCommenti

Un dolce d’autunno molto...Generoso

Crema di castagne, panna ed un ingrediente segreto

Lo so, a molti di voi già manca l’estate. Se non vi infastidisce troppo, posso fare il bastian contrario? A me no, non manca affatto. Sono settimane che non vedo l’ora di sfoggiare i miei dolcevita, di riesumare la mia collezione di Uggs e di poter cucinare zuppe e sformati senza passare per quella sfasata. Ecco, l’ho detto. E se proprio mi concedete un altro appunto, aspetto la neve e l’albero di Natale con l’entusiasmo di una bimba di 4 anni! Non è che non ami la bella stagione, è solo che sopra i 26 gradi inizio a soffrire e divento potenzialmente nervosetta. Forse anche più che potenzialmente. Sono amante dell’autunno e dell’inverno, con tutti i loro annessi e connessi. I colori della natura, lo sci, i cappotti, i bagni caldi, i brunch della domenica, le zucche, le cime imbiancate. E le castagne! Infatti nei fine settimana è facilissimo trovarmi in centro a Lugano posizionata diligentemente in coda dal "maronatt", in attesa del mio turno per chiedergli almeno 200 grammi di quelle bollenti delizie. Tra i miei ricordi d’infanzia ho certamente anche la raccolta delle castagne nei boschi di Brissago, e la loro immancabile festa alla quale nessun concittadino avrebbe mai rinunciato.

Oggi vi propongo una ricetta facilissima, ma facile davvero: una crema di castagne con soli tre ingredienti e, visto che non sono bravissima a mantenere i segreti, vi svelo sin d’ora quello segreto...l’Amaro Generoso.

Ingredienti per due persone

200 grammi di crema di castagne (già zuccherata)
100 ml di panna intera
Un cucchiaio di Amaro Generoso

Montate la panna con le fruste da cucina finché non risulterà ben ferma. In un’altra ciotola, frullate la crema di castagne assieme all’Amaro Generoso. Unite poi la panna e mischiate finché non avrete ottenuto una crema omogenea. Prendete due bicchierini e, con l’aiuto di un sac à poche, versatevi la crema. Mettete in frigo per almeno un’ora e se volete, per dare un ultimo tocco, al momento di servire decorate con scaglie di cioccolato.

 

Michelle Uffer

Redazione | 10 ott 2018 20:00

Articoli suggeriti
Scopriamo chi sono gli ideatori del prodotto ticinese, creato con erbe che germogliano sui pendii del monte momò
Un gruppo di amici, una passione in comune, un sogno. Ecco come nasce il liquore made in Ticino
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'