Accedi
Sfoglia la galleryCommenti

Al Festival di Locarno un documentario su Mario Botta

Prodotto e realizzato da Loretta Dalpozzo e Michèle Volontè permette di scoprire un architetto instancabile e appassionato

"Mario Botta. Oltre lo Spazio": è il titolo di un documentario in programma il 30 luglio alle 20.30 al GranRex di Locarno che permetterà scoprire il geniale architetto.

Prodotto e realizzato da Loretta Dalpozzo e Michèle Volontè il documentario rappresenta un viaggio “oltre lo spazio”, dentro il mondo di Mario Botta, che permette di scoprire un architetto instancabile e appassionato.

Dopo aver costruito chiese, cappelle e una sinagoga, Botta sta progettando una moschea in Cina. Una sfida che giunge a 50 anni dall’inizio della sua carriera, in un momento di profonda riflessione professionale e personale.

È negli spazi sacri che Mario Botta ha trovato l’essenza dell’architettura, per questo le registe ripercorrono la sua carriera attraverso il tema a lui più caro.

Botta riflette sul bisogno di luoghi di silenzio e di preghiera, sulle contraddizioni del nostro tempo, ma anche sulla sua fede. I suoi pensieri si trasformano in analisi degli spazi sacri del passato, di quelli in cantiere e di quelli che verranno, in un viaggio tra passato, presente e futuro, che permette di scorgere l’uomo dietro all’architetto.

Un viaggio reale, ma anche interiore, tra i ricordi di infanzia e i personaggi (collaboratori, committenti e famigliari) che hanno fatto di lui l’uomo che è oggi.

Redazione | 27 lug 2018 10:32

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'