Primo maggio: polemiche dopo il discorso di Fedez
Il cantante è salito sul palco del 1° maggio attaccando la Lega e poi pubblicato un presunto tentativo di censura, che la Rai contesta
Redazione
Primo maggio: polemiche dopo il discorso di Fedez
Foto Shutterstock

Fedez ieri è salito sul palco del concerto del Primo maggio a Roma e ha tenuto un discorso in cui ha attaccato frontalmente la Lega e soprattutto il senatore Andrea Ostellari, presidente della Commissione giustizia e accusato di rallentare il disegno di legge del deputato Alessandro Zan che vuole punire l’omofobia e la transfobia. Fedez in conclusione del suo discorso ha letto alcune dichiarazioni di politici leghisti chiaramente omofobe, facendo nomi e cognomi. Intervento che non ha ricevuto il benestare di Rai3. A dirlo lo stesso Fedez, sul palco e sui social, dove ha anche pubblicato estratti della telefonata con i vertici di Rai Tre e in cui la vicedirettrice della rete, Ilaria Capitani, definiva inopportuno l’intervento sul palco.

Rai Tre questa mattina ha accusato Fedez di aver tagliato parti sostanziali della telefonata, assicurando come da parte della rete non vi siano stati tentativi di censura. Le reazioni, però sono arrivate anche dalla politica. Dove da un lato Matteo Salvini ha invitato Fedez “ a bere un caffè, tranquilli, per parlare di libertà e di diritti. Il diritto alla vita ed all’amore sono sacri, non si discutono. Per me anche il diritto di un bimbo a nascere da una mamma e un papà è sacro, mentre il solo pensiero dell’utero in affitto e della donna pensata come oggetto mi fanno rabbrividire. Così come, da padre, non condivido che a bimbi di 6 anni venga proposta in classe l’ideologia gender, o si vietino giochi, canti e favole perché offenderebbero qualcuno”.

A difendere Fedez, invece, il Partito democratico e il Movimento 5 Stelle. Il segretario del Pd Enrico Letta ha chiesto le scuse della Rai a Fedez, mentre Luigi Di Maio ha scritto sui social che “un paese democratico non può accettare alcuna forma di censura”. Dello stesso tenore il commento dell’ex premier Giuseppe Conte.

  • 1