Accedi
Commenti 46

Salvini non sfonda in Emilia, ma trionfa in Calabria

Alle regionali italiane vince Bonaccini, al sud Santelli. Mancato successo della destra nella regione "rossa"

Lo spoglio delle schede non è ancora completo, ma sembrerebbe chiaro: lo sfondamento tanto atteso, o tanto temuto, alla fine non è successo. Nonostante l'ampio dispendio di mezzi ed energie da parte della Lega e dei suoi alleati, l'Emilia-Romagna resta "rossa" riconfermando il governatore uscente Stefano Bonaccini con più del 51%. "Salvini ha perso, il governo esce rafforzato", ha detto un esultante Nicola Zingaretti, presidente del PD. Poco più del 43% a Lucia Borgonzoni invece, che ottiene comunque un buon risultato. Pessimo risultato per i 5 stelle che scendono sotto il 4% dei voti e che destano qualche preoccupazione per la tenuta del governo di coalizione.

In Calabria invece facile vittoria di Jole Santelli di Forza Italia con oltre il 55% dei voti, Filippo Callipo della coalizione di sinistra secondo con il 30%. Dalla Lega Salvini ha dichiarato: "siamo per la prima volta determinanti al Sud" e "per la prima volta in Emilia Romagna, dopo 70 anni, c'è stata partita".

Alta affluenza alle urne in Emilia-Romagna con oltre il 67% dei votanti, quasi il doppio di quella del 2014 (37%), a testimonianza di come fosse sentita la battaglia da una parte e dall'altra. Bassa partecipazione invece al sud, solo il 35%: comunque un punto percentuale in più rispetto alle ultime regionali.

 

MJ/ATS | 27 gen 2020 06:04

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'