Accedi
Commenti

Aereo Ethiopian Airlines, trovate le scatole nere

Etiopia, Cina e Indonesia bloccano i Boeing 737, mentre la Corea del Sud apre un’indagine

La Tv di Stato etiope ha reso noto che è stata ritrovata la scatola nera del Boeing dell'Ethiopian Airlines precipitato ieri. 

Secondo le prime ricostruzioni a causare l'incidente sarebbe stato un difetto nel software che gestisce i dati relativi al sistema di protezione dell'inviluppo di volo, ossia la relazione fra l'angolo di attacco dell'ala, la velocità del velivolo e il flusso di aria che lo circonda. È questa una delle ipotesi più accreditate sulle cause dell'incidente del Boeing 737 MAX 8 dell'Ethiopian Airlines avvenuto ieri pochi minuti dopo il decollo da Addis Abeba. Lo suggeriscono forti analogie con l'incidente avvenuto il 29 ottobre 2018 in Indonesia al Boeing 737 MAX, volo Lion Air JT610.

Boeing affonda in Borsa

L'azione del costruttore aeronautico americano Boeing ha aperto a Wall Street in calo del 12,80%, in quello che è il peggior arretramento da 17 anni: era infatti dal settembre 2001 che il titolo non subiva una diminuzione così pesante.

Boeing non dà nessuna indicazione agli operatori

Il gruppo americano Boeing non ha nuove indicazioni da dare dopo l'incidente del B737 Max di Ethiopian Airlines, in cui sono morte 157 persone. Sulla messa a terra del suo modello, deciso da Etiopia e Cina, il gruppo americano afferma come la sicurezza sia la priorità principale e che stanno prendendo ogni misura per capire le dinamiche esatte dell'incidente, lavorando in stretto contatto con i team investigativi e tutte le Authority coinvolte. “L'indagine – afferma Boeing - è alle sue fasi iniziali, ma a questo punto, secondo le informazioni disponibili, non abbiamo alcuna base per dare indicazioni agli operatori".

L'Easa: “presto per decidere su Boeing 737”

Anche l'agenzia europea per la sicurezza aerea (Easa) comunica di stare monitorando da vicino. Secondo quanto riporta l'agenzia Bloomberg l'addetto stampa dell'agenzia sostiene che sia ancora troppo presto per fornire indicazioni alle compagnie europee o per agire in altro modo. "L'Easa - continua il portavoce-  è in contatto con l'autorità americana Federal Aviation Administration (Faa) e con le autorità etiopi.”

L'Ethiopian Airlines blocca Boeing 737 Max

Intanto in via precauzionale la compagnia di bandiera etiope ha bloccato tutti gli aerei Boeing 737 Max. A renderlo noto è stata la stessa compagnia aerea in un tweet.
“A seguito del tragico incidente del 10 marzo - si legge - Ethiopian Airlines ha deciso di tenere a terra tutti i Boeing 737 Max. Non si conoscono ancora le cause della sciagura - prosegue la nota - e la decisione è presa in via precauzionale. La compagnia diffonderà ulteriori informazioni non appena disponibili.”

L’Authority cinese sospende l’uso dei Boeing 737

Anche le compagnie aeree cinesi hanno ricevuto l'ordine di sospendere l'uso del Boeing 737 Max. Lo riporta la rivista finanziaria Caijing, citando fonti vicine alla Civil Aviation Administration of China, l'Authority di settore. Lo stop temporaneo è operativo da questa mattina basandosi sui timori per la sicurezza visto il precedente incidente in Indonesia, molto simile per modalità. La Civil Aviation Administration of China (Caac), confermando l'anticipazione di Caijing, ha detto che la decisione è stata presa dopo una consultazione con l'omologa agenzia americana Federal Aviation Administration (Faa) e la Boeing.

Sono otto i cittadini cinesi nell'elenco delle 157 vittime del volo Ethiopian Airlines. "Dati i due incidenti legati ai nuovi Boeing 737-8 da poco consegnati, e accaduti durante la fase di decollo, ci sono alcuni gradi di similitudine", ha spiegato l'Authority, secondo cui lo stop è "in linea con i principi regolatori della tolleranza zero agli azzardi sulla sicurezza".
I modelli 737-8 in dotazione alle compagnie aeree cinesi sono poco più di 60: dal sito FlightRadar24, che monitora i voli 24 ore su 24, si rileva che gli aerei nel mirino erano tutti a terra poco prima delle 9:00 locali (2:00 in Svizzera). La gran parte dei 15 modelli di Air China sono fermi da domenica sera, ad eccezione di due atterrati in mattinata, mentre quattro di China Eastern sono atterrati ieri sera.

L'Indonesia ordina la messa a terra dei B737 Max

Il ministro dei trasporti dell'Indonesia ha ordinato alle compagnie locali di mettere a terra temporaneamente gli aerei Boeing 737 Max in possesso nelle loro flotte. Lo riferisce l'agenzia Bloomberg. Il ministro ha stabilito che i velivoli B737 Max vengano lasciati a terra da domani, quando inizieranno le ispezioni e potranno tornare in servizio solo dopo la certificazione degli ispettori di volo. Dieci degli 11 velivoli in questione sono della Lion Airlines, il restante di Garuda Indonesia.

La Corea del Sud apre un’indagine

La Corea del Sud ha invece aperto una indagine precauzionale sul Boeing 737 Max. Un team di 4 tecnici ha visitato la Eastar Jet, compagnia locale low cost, avviando accertamenti sul pilota automatico e su altri sistemi. Secondo Oh Sung-oun, direttore della Divisione aeronavigabilità del ministero dei Trasporti, l'esame finirà venerdì e non ci sono al momento piani per tenere a terra i B737 Max. Lo riferisce l'agenzia Yonhap.

Keystone/ATS/Red | 11 mar 2019 12:16

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'