Accedi
Commenti

Ginevra: richiesta la curatela per il presidente algerino

Abdelaziz Bouteflika è ricoverato attualmente all'ospedale universitario di Ginevra

È stata presentata ieri presso il Tribunale per la protezione degli adulti e dei bambini di Ginevra una richiesta di porre sotto curatela il presidente algerino Abdelaziz Bouteflika. Il capo di stato in carica è ricoverato attualmente all'ospedale universitario di Ginevra (HUG).

Saskia Ditisheim, presidente della sezione svizzera della ONG Avocats sans frontières, chiede la nomina di uno o più curatori sulla base dello stato di salute di Bouteflika. Agendo per conto di un cittadino algerino, l'avvocato sostiene che la "fragile salute" di Bouteflika lo espone ad essere "manipolato" dal suo entourage.

L'avvocato ritiene "ovvio che il presidente algerino sia attualmente incapace di discernimento, in uno stato di salute molto precario, e che tutte le sue azioni, sia l'inoltro della sua candidatura che i comunicati stampa, non sono svolti da lui stesso, ma dal suo entourage politico e familiare che lo manipola". A suo avviso si può parlare chiaramente di "sequestro e usurpazione del pensiero". La sua libertà di pensiero è violata, afferma Ditisheim, intervistata da Keystone-ATS.

Non è chiaro se il tribunale di Ginevra accetterà di esaminare la richiesta. "Il tribunale è competente e, date le circostanze, ci sono notevoli possibilità di successo", sostiene la presidente di Avocats sans frontières.

Nella domanda si chiede anche di "autorizzare i curatori a liberare i medici degli Ospedali Universitari di Ginevra (HUG)" dal "segreto medico" nei confronti del presidente algerino. E di autorizzarli a rilasciare un "certificato medico che esprima la loro opinione sulla sua capacità di governare un paese". Si chiede inoltre che "qualsiasi comunicazione ufficiale a nome del sig. Bouteflika" sia soggetta al "consenso preventivo" dei curatori "per garantire che i commenti formulati provengano realmente dal 'pupillo'"."Il curatore dovrebbe essere nominato al di fuori della cerchia del presidente e dovrebbe essere necessariamente neutrale e libero da qualsiasi potenziale conflitto di interessi".

Dal 22 febbraio si sono svolte diverse manifestazioni in Algeria per chiedere al presidente Bouteflika, 82 anni, di rinunciare a candidarsi per il quinto mandato alle elezioni del 18 aprile. Secondo il governo algerino, è ricoverato in ospedale dal 24 febbraio per "esami medici". Bouteflika, presidente dal 1999, è stato raramente visto in pubblico da quando ha subito un ictus nel 2013.

Secondo Nicolas Jeandin, professore di diritto all'Università di Ginevra, spetta alle autorità giudiziarie algerine stabilire se un cittadino debba essere posto sotto tutela. Ma se un tribunale svizzero ritiene che vi sia un'urgente necessità di proteggere una persona vulnerabile, può intervenire, ha detto all'agenzia AFP. Egli sottolinea che "la questione è se ci sia o meno un'urgenza". "In teoria, il giudice svizzero deve ignorare il livello politico (.....). Il giudice deve unicamente determinare se la persona abbia bisogno di aiuto".

Keystone-ATS | 9 mar 2019 16:02

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'