Accedi
Commenti

Statale 34, 60 milioni di euro per la messa in sicurezza

Il Consiglio Comunale di Cannobio ha approvato il Protocollo di intesa tra le varie regioni coinvolte per i lavori sulla SS34

Buone notizie per tutti gli utenti della Strada Statale 34, la litoranea del Lago Maggiore che collega il Verbano-Cusio-Ossola al Locarnese, quotidianamente utilizzata da migliaia di frontalieri. Ieri sera il Consiglio Comunale di Cannobio ha approvato il Protocollo di Intesa tra la Regione Piemonte, Anas S.p.A., l’Unione del Lago Maggiore e i comuni coinvolti (Cannobio, Cannero Riviera, Oggebbio, Ghiffa, Verbania) per procedere alla realizzazione dei primi interventi di mitigazione del rischio idrogeologico e di messa in sicurezza dei versanti lungo la strada, dal confine svizzero fino a Ghiffa.

"Pur avendo raggiunto un importante obiettivo – ha dichiarato il Sindaco Giandomenico Albertella – questo non è il punto di arrivo, ma la considero una buona base di partenza. Ora sarà compito dei rappresentanti di ciascuno degli enti sottoscrittori impegnarsi nell’attuazione di quanto contenuto nel protocollo con un monitoraggio continuo affinché sia impiegato il minor tempo possibile per la redazione degli studi, dei progetti e la realizzazione delle opere di messa in sicurezza".

Con la firma del protocollo le parti hanno concordato che le priorità degli interventi da realizzare, urgenti a tutela della pubblica incolumità, sono stimati in 60 milioni di euro. 

 

Redazione | 14 set 2018 10:51

Articoli suggeriti
Alcuni problemi legati alla protezione della natura e del paesaggio frenano il progetto da 160 milioni di franchi della tratta tra Plaun da Lej e Sils
Fratelli d'Italia denuncia cedimenti sulla Statale del Lago Maggiore in direzione del confine. Ecco i primi interventi
Vigezzina, Il neo-presidente della regione montana sollecita l'ente stradale italiano per la costruzione della galleria che risolverebbe il problema frane
Secondo il sindaco di Re Oreste Pastore sarebbero causate dalle piogge e dal traffico dovuto alla chiusura della 337
La nuova tratta permetterà ai lavoratori residenti nella zona di Arcisate di accorciare il loro percorso verso il Ticino
Bloccata la Cannobina, le ambulanze non possono transitare. Grossi disagi anche per i lavoratori d'oltreconfine
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'