Image
Morto negli Usa dopo il Covid party, cosa si sa?
Un 30enne sarebbe morto in Texas dopo essersi infettato a una festa organizzata ad hoc, ma esistono davvero eventi di questo tipo?
di Filippo Suessli

Un trentenne è morto a San Antonio, Texas, dopo essere stato a un Covid party, una festa organizzata con la presenza di qualcuno diagnosticato positivo al coronavirus, con l’intento di verificare se la malattia è vera e vedere se qualcuno si infetta.

La storia

È quanto ha raccontato postando un video online la direttrice sanitaria dell’ospedale Methodist Heathcare di San Antonio Jane Appleby. “Abbiamo curato un paziente di 30 anni. Ha detto all’infermiera di essere stato a un Covid party”, racconta la dottoressa. “Proprio prima di morire”, ha aggiunto la Appleby, “ha guardato l’infermiera e le ha detto ‘credo di aver fatto uno sbaglio, pensavo che fosse una bufala, ma non lo è”. Questa la storia raccontata da Jane Appleby, non ci sono motivi per dubitarne dal punto di vista medico. La parte dei Covid party, invece, è più oscura.

I Covid party esistono davvero?

È da inizio pandemia che si parla delle feste Covid, ma prove della loro esistenza non sono emerse. È invece più probabile che si tratti di feste durante le quali non vengono rispettate le norme di igiene o distanziamento sociale, senza però voler intenzionalmente essere contagiati. Esempio di questo è ciò che è successo a Walla Walla, nello stato di Washington. La direttrice del locale dipartimento della salute pubblica aveva denunciato l’esistenza di queste feste, salvo ritrattare il giorno seguente. La stessa funzionaria ha spiegato: “Ritiro formalmente la mia intervista. Dopo aver ottenuto altre informazioni, abbiamo scoperto che non vi sono stati Covid party intenzionali”.

Nessuna prova

In rete circolano storie anche meno sensate, come quella secondo cui in Alabama, a Tuscaloosa, sarebbero state organizzate feste Covid in cui si scommetteva su chi si sarebbe contagiato per primo. La storia era stata raccontata durante una conferenza stampa delle autorità, ma anche in questo caso il dipartimento della salute pubblica locale ha dovuto smentire qualche giorno dopo: non ci sono prove che questi eventi siano avvenuti, la storia è nata da chiacchiere provenienti dai vigili del fuoco.

Morto negli Usa dopo il Covid party, cosa si sa?

E a San Antonio?

A questo punto viene da chiedersi se anche il Covid party di San Antonio sia vero o meno. Potrebbe essere: le notizie di cui sopra sono state riprese da alcune delle maggiori agenzie di stampa del pianeta, se ne è parlato così tanto che qualcuno potrebbe aver emulato. Oppure la storia che l’infermiera ha raccontato alla dottoressa Appleby non era del tutto accurata. Ancora una volta, però, non si tratta di una storia di prima mano.

Ma quelle non deliberate...

Il fatto che probabilmente i Covid party deliberati non esistano, non muta il fatto che alcune feste si siano tramutate in serate del contagio a posteriori. In Ticino è emersa quella del Woodstock, dove vista la presenza di una recluta infetta, almeno una persona è rimasta contagiata. Inoltre recentemente, come ha più volte ripetuto il medico cantonale Giorgio Merlani, l’età dei nuovi positivi si è molto abbassata. Lo stesso sta avvenendo nel resto della Svizzera e ricorda ciò che è avvenuto a inizio maggio in Corea del sud, dove alcuni focolai legati al mondo della notte hanno riacceso una curva pandemica che andava appiattendosi. È quindi importante sapere che, anche se non vi hanno invitati a una cosa tanto stupida quanto un Covid party, frequentare locali particolarmente affollati e promiscui può avere delle conseguenze anche per quanto riguarda il coronavirus.

Ultime Notizie: Decoder
  • 1
    Decoder
    Per meglio comprendere le misure in vigore da oggi abbiamo risposto ad alcune domande che riguardano ciò che si può fare e ciò che invece è vietato
    La Redazione
  • 2
    Decoder
    Il dottor Roberto Ostinelli di Mendrisio divulga sui social tesi contestate. Un’inchiesta di Ticinonews rivela la preoccupazione di alcuni professionisti del settore e ora le autorità sanitarie si stanno muovendo
    Di Filippo Suessli
  • 3
    Decoder
    La World Press Photo anche quest’anno ha fatto tappa in Ticino. Dal 1955 premia i migliori fotografi della stampa, i fotogiornalisti e fotografi documentaristi. Quest’anno occhi puntati sui movimenti pacifisti dei giovani: “Dare soluzioni e non solo vittimizzare”
    Di Martina Minoletti
  • 4
    Decoder
    Sono di nuovo consentite le manifestazioni con oltre 1’000 persone, questo permette al campionato di hockey di ripartire. Ecco una panoramica
    Di ls
  • 5
    Decoder
    Il 27 settembre si deciderà se dare o meno la possibilità al neo-genitore di fruire di dieci giorni lavorativi di congedo paternità dopo la nascita del figlio. Giorgio Fonio e Michele Moor a confronto
    Di Martina Minoletti
  • 6
    Decoder
    Il 27 settembre il popolo svizzero dovrà decidere dell’acquisto dei nuovi aerei da combattimento. Tiziano Galeazzi e Laura Riget si confrontano sul tema
    Di Marco Jäggli
  • 7
    Decoder
    Il popolo svizzero dovrà decidere sul futuro della libera circolazione. Marco Chiesa e Alex Farinelli a confronto
    Di Filippo Suessli
  • 8
    Decoder
    Fabio Regazzi e Greta Gysin a confronto su un tema che scalda gli animi: agevolare l’abbattimento del lupo oppure no?
    Di Lara Sargenti
  • 9
    Decoder
    Terrorismo e satira tornano sotto i riflettori con l’apertura del processo per l’attentato alla redazione della rivista francese nel gennaio 2015. Il giornalista Toscano: “Si riapre una ferita che non si è mai cicatrizzata”. E il coronavirus rischia di distogliere l’attenzione sulle attività terroristiche, nonché mettere a rischio i mezzi finanziari per combatterle
    Di Radio3i/ls
  • 10
    Decoder
    Un altro manifestante ha perso la vita da domenica, quando Alexander Lukashenko ha vinto le elezioni e in molti sono scesi in piazza per contestare il risultato che sarebbe frutto di brogli
    Di YL
  • 1