Accedi
Commenti

Per un look da spiaggia da sfoggiare senza indugio!

Ecco alcuni consigli su come indossare le infradito e il cappello, accessori fondamentali per questa calda stagione.

Il tuo piede non dovrebbe mai sporgere al di fuori della scarpa mentre sei in piedi. Se la suola è molto più grande è probabile che le infradito siano troppo grandi e farai fatica a camminarci. Se le indossi spesso, ti consiglio di usare un paio che calzi largo con almeno 2,5 cm di spazio nel retro del tallone.

In questo modo, potrai camminare senza stringere le dita dei piedi attorno alla cinghia, consentendo al piede di muoversi avanti e indietro senza perdere le scarpe. Non dovresti arrotolare o stringere le dita dei piedi mentre indossi le infradito perché è la causa principale di infortuni.

Assicurati che siano leggermente strette lasciando rilassare il piede, e cammina come se fossi a piedi nudi. Questo è l’unico modo sicuro e salutare di indossare le infradito.

Alcune regole fondamentali per un acquisto esatto di infradito:

1. Acquista un buon paio di infradito.Quando le indossi, dovresti vedere circa 1,30 cm di suola attorno al piede.

2. Assicurati che non strofinino la punta del piede in questo caso, la pelle s’irriterebbe. Le infradito con i ganci di gomma sono semplici da indossare, ma quelle con le cinghie in cuoio o in tessuto sono più comode e rendono la camminata più semplice.

3. Quando cammini, tieni il piede puntandolo diritto. Se cammini con i ‘piedi di papera’ o con le dita dei piedi strette fra loro, è più probabile che le infradito si incastrino per terra e potresti cadere.

4. Stringi fra loro l’alluce e l’indice del piede mentre cammini manterrai il controllo della posizione delle infradito sul piede. 

Il cappello è un accessorio molto particolare volto a rifinire una figura già ben definita in ogni suo particolare. Le tipologie di cappelli sono veramente molte e per questo vi è un ardua scelta in fatto di abbinamento e soprattutto di aderenza alla propria fisionomia. Un fattore che incide sulla scelta del cappello è il fattore viso: il cappello deve essere un accessorio che mette in risalto i lineamenti e deve addolcire i tratti facciali.

Andiamo ad analizzare le diverse forme del viso:

Viso quadrato:
bisogna optare per cappelli che possano addolcire le spigolature varie: il basco è la soluzione giusta al nostro problema. Il basco tende a non creare una forma quadrata di tutta la faccia ma, al contrario, riesce a creare un effetto ottico più tendente al rotondo.

Viso ovale:
sono consigliati cappelli che rendano il viso meno lungo possibile: si tratta di cappelli a cilindro. Essi riescono a creare una fisionomia del tutto diversa in quanto tendono ad esaltare la magrezza o, comunque, l’asciuttezza del viso tagliandolo quasi a metà fronte riducendo, così, la pesantezza della lunghezza di quest’ultimo.

Viso rotondo:
questa forma di viso ha un fattore molto importante che la porta a poter giocare a suo favore, la rotondità è simbolo di dolcezza. Infatti molto spesso i lineamenti dei visi tondi è molto dolce e, proprio per questo motivo, c’è bisogno di un cappello che possa mettere in risalto questa sua qualità: i cappelli molto aderenti al capo. Essendo aderenti, questi cappelli non fanno altro che proseguire e accentuale le linee delicate di questa tipologia di viso.

Viso triangolare:
modelli morbidi e poco voluminosi, meglio tonalità scure per non andare a creare ulteriore sproporzione al viso, perfetto se poi sono indossati lateralmente di modo quasi da allungare il viso e non accorciarlo.
Nonostante possa sembrare difficile, la scelta del cappello è molto spontanea e naturale, una scelta accurata di questo accessorio farà sì che l’intera figura venga messa in risalto e, soprattutto, vengano valorizzate le linee del viso.

 

Redazione | 1 lug 2016 08:42

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'