Accedi11/23°

Regio Insubrica: rispettare piazza finanziaria e frontalieri

Presa di posizione dopo le esternazioni di Tremonti e le reazioni in Ticino

Assicurare alla piazza finanziaria luganese il ruolo centro di competenza nel settore finanziario, e nel contempo considerare l’apporto che la manodopera frontaliera offre all’economia ticinese. È quanto chiede l’Ufficio presidenziale della Regio Insubrica, alla luce delle nuovo esternazioni del ministro italiano Tremonti e delle forti reazioni che queste hanno suscitato. Ecco il comunicato stampa:

“L’Ufficio presidenziale (UP) della Comunità di lavoro Regio Insubrica, riunito ieri a Caslano, ha preso atto delle dichiarazioni, dei commenti e delle prese di posizione rilasciate ai diversi livelli istituzionali e politici in Italia e in Svizzera sui temi della piazza
finanziaria di Lugano e dei frontalieri che lavorano nel Cantone Ticino. L’UP si distanzia con fermezza dai toni accesi ed emozionali usati dalle parti e auspica che si privilegino modalità di dialogo franco e costruttivo, in uno spirito di comprensione e
collaborazione. La ricerca di soluzioni utili e condivise – nel rispetto e nell’interesse della popolazione al di qua e al di là del confine che oggi assiste in condizioni di disagio e di preoccupazione alle vicende evocate – va perseguita con impegno e lungimiranza. La Regio Insubrica, testimone nel recente passato di difficoltà operative e di gestione, – in parte dovute alle tensioni ,oggi nuovamente ripropostesi sul piano transfrontaliero e
internazionale tra comunità amiche – chiede che si trovino risposte adeguate per assicurare da un lato alla piazza finanziaria luganese il ruolo e la funzione di modello e di centro di competenza nel settore finanziario, dall’altro di considerare con la dovuta
attenzione e rispetto l’importante apporto che la manodopera frontaliera offre all’economia ticinese”.
laila | 21 mag 2011 14:16

Articoli suggeriti
I comuni italiani hanno chiesto al Ticino di sbloccare i ristorni. Norman Gobbi: "Dialogo con i comuni"