Accedi5/11°
Sfoglia la galleryGuarda il video

La Turbomach sotto shock per la morte di Vincenzo Algisi

Il 29enne è deceduto stamane in un incidente a Rivera. Sconvolti i collaboratori dell'azienda di Riazzino per cui lavorava

Incidente mortale lunedì mattina poco prima delle 8 sulla Cantonale del Ceneri a Rivera, all’altezza dello svincolo autostradale.

Vincenzo Algisi, detto Enzo, era a bordo della sua moto quando, giunto all'altezza dell'uscita autostradale di Rivera, ha centrato violentemente un’auto proveniente da nord guidata da un 21enne del Bellinzonese. A causa del forte impatto con la vettura, il motociclista è caduto a terra. Inutili i tentativi di rianimazione effettuati prima da alcuni soccorritori che si trovavano casualmente sul posto, poi dai sanitari della Croce Verde. Algisi è deceduto poco dopo a causa delle gravissime ferite riportate.

La strada del Monte Ceneri, comunica la polizia cantonale, è rimasta chiusa per circa tre ore per permettere alla Polizia Scientifica di effettuare i rilievi.

L’improvvisa e inaspettata morte del 29enne Enzo Algisi ha lasciato sotto shock i collaboratori della Turbomach, l’azienda di Riazzino dove lavorava. Anche il Club KTM Ticino è addolorato per perdita di Enzo, grande appassionato di motori. “Enzo Algisi ci ha lasciati. Muore uno dei nostri. Aveva fatto molto per il Club. Tutto il Club si stringe nel dolore”, si legge sul sito della KTM. Enzo era attualmente responsabile del Club in Ticino ed era anche un bravo informatico. In quest'ambito si era dedicato alla lotta contro la pedofilia via internet collaborando con il team antipedofilia di Sensogiovane. “Era una persona stupenda e mi ha veramente aiutato in questo ambito”, ci dice Ivan Schmidt, responsabile di Sensogiovane. Il 29enne era stato anche soccorritore della Croce Verde





joe | 17 mag 2010 18:34

Articoli suggeriti
Tre morti in pochi mesi: ma finalmente tra qualche giorno la cantonale del Monte Ceneri sarà più sicura