Accedi
Commenti 59

Parla 'Deadpool': "Non credevo mi fermassero"

Il giovani mascherato, fermato ieri dalla Polizia, racconta l'episodio. "Pensavo fosse un personaggio conosciuto"

“Non avrei mai pensato a un intervento di Polizia di queste dimensioni”. A parlare, contattato dai colleghi del Corriere del Ticino, è Christian Pinta, in arte ‘Deadpool’, il giovane in costume fermato ieri sera in via Greina dalla Polizia e multato per infrazione alla legge sulla dissimulazione del volto (vedi articolo suggerito).

"Sapevo della Legge ma non ci ho proprio pensato quando sono uscito di casa. Inoltre ho pensato che Deadpool è un personaggio conosciuto sia dai ragazzi, sia dagli adulti”, ha spiegato. “Mai avrei pensato di essere atterrato da agenti che mi puntavano un'arma contro”.

Fortunatamente l’equivoco si è subito chiarito e i due hanno potuto recarsi alla prima di Deadpool 2 al Palacinema a Locarno, ma nel frattempo la notizia ha già fatto il giro del web. Immancabilmente la rete si è divisa tra chi ha criticato l’operato degli agenti, giudicandolo sproporzionato, e chi invece li ha difesi.

Guarda l'intervista completa ai due cosplayer nel TG di TeleTicino delle 18.45

Redazione | 16 mag 2018 14:20

Articoli suggeriti
La Polizia cantonale spiega l'intervento di ieri sera: "Segnalato un uomo armato con due pistole"
Due ragazzi sono stati fermati ieri a Lugano dopo la segnalazione di un uomo armato in centro
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'