Accedi
Commenti 7

Casse malati, a caccia di soluzioni

Fa discutere la proposta di innalzare la franchigia minima. Curafutura per l'adeguamento, PS critico

Alla proposta, apparsa ieri sul Blick, di alzare la franchigia minima a 5000-10mila è seguita la risposta di limitare i costi sanitari. Un dibattito a distanza che ha coinvolto la direttrice della cassa malati CSS Philomena Colatrella e Mister Prezzi Stefan Meierhans. Due posizioni agli antipodi che ben riassumono il dibattito in corso, e le due ricette per frenare il continuo aumento dei premi. Contenere i costi o alzare la franchigia?

Secondo l’associazione curafutura, interpellata da TeleTicino, è necessario adeguare le franchigie all’aumento dei costi. Operazione che non viene fatta da 10 anni.

Anche a Berna il tema è di strettissima attualità. Dando seguito ad una mozione PPD, approvata dalle Camere, a fine marzo il Consiglio federale ha licenziato il messaggio che propone di aumentare di cinquanta franchi le franchigie degli adulti, in funzione della crescita degli oneri. L’obiettivo è quello di limitare il ricorso a visite e cure superflue, nell’ottica di una maggior responsabilizzazione del cittadino. Un principio su cui tutti gli schieramenti politici concordano, ma con varie sfumature.

Per il partito socialista il vero problema è l’esplosione dei costi: "Sarebbe opportuno mettere fine a questa dannosa concorrenza, che fa sì che ci siano investimenti sempre più costosi in ospedali e studi medici per apparecchiature diagnostiche che non sono per forza necessarie, ma anche per i medicamenti sempre più generici" afferma la Consigliera nazionale Marina Carobbio ai colleghi di TeleTicino. 

In tal senso il PS intende lanciare il prossimo autunno un’iniziativa popolare per limitare i premi di cassa malati al 10% del reddito e scardinare l’attuale sistema. "La crescita dei costi può essere giustificata con l'evoluzione demografica o le nuove tecnologie, ma non può essere giustificato da chi vuole trarne profitti. La sanità non può essere un mercato" ha concluso la consigliera nazionale a TeleTicino. 

Anche il PPD ha annunciato che lancerà un’iniziativa popolare per ancorare nella Costituzione il principio di freno dei costi, se superata una determinata soglia ancora da definire. A Berna come nel resto del paese, c’è grande fermento. Ognuno ha la sua ricetta, ma tutti concordano sulle necessità di frenare l’impennata dei premi di cassa malati.

Maggiori dettagli nel servizio di TeleTicino

Redazione | 16 apr 2018 20:05

Articoli suggeriti
Secondo la CSS per far fronte all'aumento dei premi serve maggiore responsabilità individuale da parte dei pazienti
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'