Accedi
Sfoglia la galleryCommenti 2

Consegnate le firme per Omar Bewar

La petizione a favore del 31enne curdo iracheno è stata consegnata a Bellinzona nelle mani di Gianora e Bertoli

Sono state consegnate oggi alle 16, nelle mani del presidente del Gran Consiglio Walter Gianora e del presidente del Governo Manuele Bertoli, le firme della petizione "Bewar uno di noi, fermiamo il suo rimpatrio".

Sono più di 4'500 le sottoscrizioni che il Salone Fantasy ha raccolto a favore del 31enne curdo iracheno, che rischia di dover lasciare il Ticino in virtù della decisione Tribunale amministrativo federale (TAF), che a gennaio ha respinto la richiesta del suo legale di sospendere la decisione di allontanamento dalla Confederazione.

Presenti a Bellinzona le datrici di lavoro di Omar Bewar, che da dieci anni vive in Ticino e che fino a inizio febbraio lavorava nel salone di parrucchiere a Bellinzona. Le firme verranno ora consegnate nelle mani della presidente della Commissione petizione e ricorsi Lelia Guscio

Guarda le foto nella gallery 

 

 

 

Redazione | 13 mar 2018 16:32

Articoli suggeriti
La petizione per fermare il suo rimpatrio verrà consegnata oggi alle 16.00 al presidente del Gran Consiglio
Le dipendenti di un salone di Bellinzona si oppongono alla decisione di espulsione del collega, in Ticino da 10 anni
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'