Accedi
Commenti 17

"L'inchiesta del pg Noseda è stata teatrale"

Claudio Zali ha risposto a Matteo Pronzini sul caso rimborsi: "Le mensilità di Gianella regolarmente pagate"

In apertura di seduta il consigliere di Stato Claudio Zali ha risposto all'interpellanza sul caso rimborsi presentata dal deputato Matteo Pronzini (vedi articolo suggerito). Non è mancata una schermaglia verbale tra Pronzini e il presidente del Gran Consiglio Walter Gianora, che lo ha richiamato all'ordine per alcune sue stoccate all'indirizzo dell'atteggiamento "poco collaborativo" del Governo.

La funzione del Cancelliere assume varie analogie con quella dei membri del Governo - ha spiegato Zali- Il Governo non ha nascosto nulla a nessuno, tantomeno al pg".

"La documentazione è stata raccolta tramite perquisizione con regolare mandato e all'insaputa del Consiglio di Stato", ha poi spiegato, non nascondendo un certo fastidio per il modus operandi della Procura. Come già l'Ufficio presidenziale, infatti, anche Zali ha bacchettato l'operato del pg John Noseda, il cui modo di procedere è stato definito "teatrale" sia per il triplice interrogatorio a tre ministri sia per il doppio decreto di abbandono". Egualmente contestata, come detto, la perquisizione a sorpresa a Palazzo delle Orsoline.

Il vicepresidente del Governo ha poi ribadito che il Governo non ha violato la legge in quanto ha sottoposto la Nota a protocollo 43/2011 al Controllo cantonale delle finanze. "Il pagamento dello stipendio straordinario di due mesi è stato regolarmente pagato su richiesta del Cancelliere - ha proseguito Zali. Riguardo i doni ricevuto dal '99 ad oggi, il consigliere di Stato li ha definiti "di poco conto" e non eccedenti a quanto previsto.

Sollecitato da Pronzini, il Governo ha spiegato che per quel che riguarda la retribuzione percepita dall'ex Cancelliere in qualità di segretario della Regio Insubrica (32'500 franchi all'anno), questi sono "soldi versati dalla Regio stessa, e il Governo lo ha autorizzato a svolgere un attività accessoria retribuita da un ente terzo".

Pronzini ha infine sollecitato l'intervento dell'autorità di vigilanza - con Bacchetta Cattori e Gianora che hanno spiegato come la Gestione stia già svolgendo tale attività - e ha chiesto al Governo se lo stipendio dell'ex Cancelliere fosse effettivamente superiore a quello della sua classe.

 

nic

 

Redazione | 13 mar 2018 14:59

Articoli suggeriti
La Gestione ritiene che gli strumenti di legge per esercitare l'alta vigilanza siano sufficienti. Tradotto, niente CPI
L'Ufficio presidenziale consiglia di non impugnare il decreto di abbandono e contesta le critiche del pg
A seguito degli ultimi sviluppi, il deputato MPS interpella di nuovo il Consiglio di Stato: "Risposte per nulla convincenti"
Il Governo ribadisce la volontà di fare chiarezza "sulle procedure ereditate dal passato" in accordo con il Gran Consiglio
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'