Accedi
Commenti 6

Decreto d'abbandono, neanche questa volta si ricorre

Rimborsi: il Gran Consiglio ha deciso di non opporsi alla decisione del pg, ma non sono mancate critiche al suo indirizzo

Come già accaduto il 21 febbraio scorso il Gran Consiglio ha deciso di non ricorrere contro il secondo decreto di abbandono emesso dal pg John Noseda sul caso dei rimborsi ai ministri e al cancelliere (vedi articoli suggeriti). Con 66 voti contro 11 (1 scheda nulla), infatti, i deputati hanno deciso di non opporsi alla decisione del procuratore generale.

In fase di votazione non c'è stata nessuna - improbabile, va detto - sorpresa dell'ultimo minuto e il plenum del Gran Consiglio ha deciso anche questa volta di non ricorrere. Analogamente a quanto avvenuto lo scorso 21 febbraio la decisione è stata presa con la procedura dello scrutinio segreto.

Dure critiche si sono tuttavia levate all'indirizzo del Governo e non solo. Prima del voto il presidente del Gran Consiglio Walter Gianora ha nuovamente respinto ogni addebito di scarsa collaborazione, concetto già ribadito nel rapporto dell'ufficio presidenziale inviato nella serata di ieri ai deputati e dal Consigliere di Stato Claudio Zali che, rispondendo all'interpellanza di Matteo Pronzini (MPS) aveva parlato di "inchiesta teatrale", con particolare riferimento alla perquisizione a sorpresa e al triplice interrogatorio di altrettanti ministri (vedi articolo suggerito).

In fase dibattimentale non è però mancato un j'accuse da parte del deputato MPS all'indirizzo del Governo e dell'Ufficio presidenziale. "Ci vuole trasparenza, la popolazione se lo merita e non si merita gente che si intasca milioni di franchi in modo sordo - ha tuonato - Rimborsi e casse pensioni andranno ridiscussi qui in Parlamento e non dietro le quinte".

 

nic

Redazione | 13 mar 2018 17:58

Articoli suggeriti
La Gestione ritiene che gli strumenti di legge per esercitare l'alta vigilanza siano sufficienti. Tradotto, niente CPI
Claudio Zali ha risposto a Matteo Pronzini sul caso rimborsi: "Le mensilità di Gianella regolarmente pagate"
L'Ufficio presidenziale consiglia di non impugnare il decreto di abbandono e contesta le critiche del pg
Il procuratore generale John Noseda non ha ravvisato reati di natura penale dopo aver riavviato la procedura
Il Gran Consiglio non ricorrerà contro il decreto di abbandono. Il PPD ha proposto una Commissione d'inchiesta
L'Ufficio presidenziale invita a non ricorrere contro la decisione del pg John Noseda sul caso dei rimborsi dei consiglieri di Stato
Il pg John Noseda ha firmato un decreto d’abbandono evidenziando alcune lacune. Pronzini: “Salva penalmente i Consiglieri”
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'