Accedi
Commenti 10

Magliaso: "Mio figlio ha visto tutta la scena"

Parla la mamma di un allievo che ha assistito all'incidente. La scuola media di Agno attiva una cellula di crisi

Mancavano pochi minuti alle 13. I ragazzi che frequentano le scuole medie di Agno si trovavano alla stazione di "Magliaso paese" per prendere il trenino FLP ed andare a scuola. Tra loro c’era anche una giovane di 11 anni domiciliata nella regione. Stava salendo sul treno quando la porta si è chiusa e lei è rimasta incastrata con un piede mentre il convoglio ripartiva in direzione di Lugano. Una tragedia sfiorata, è il caso di dirlo, vedendo per quanti metri, circa 200, è stato trascinato il corpo della giovane.

Il treno si è fermato grazie ad alcuni passeggeri che hanno azionato il freno di emergenza. Sul posto sono intervenuti i soccorritori della Croce Verde di Lugano. L’11enne è stata trasportata in ospedale. Secondo i medici ha riportato ferite serie.

Tra i passeggeri che hanno dato l’allarme c’era un compagno della ragazza, che ha subito chiamato la mamma sotto shock. "Mi ha chiamato mio figlio dicendomi che c'era stato un incidente" racconta la donna ai microfoni di TeleTicino. "Mi sono spaventata. Mi ha detto che ha visto tutta la scena e poi un signore ha visto la ragazza e ha azionato il freno d'emergenza. Così il treno si è fermato". 

La scuola media di Agno ha attivato una cellula di crisi e riunito in aula magna un centinaio di allievi, ma anche docenti rimasti molto scossi dall’incidente. Per loro è stato organizzato un sostegno psicologico.

Sul caso è stata aperta un’inchiesta. Il treno coinvolto è stato esaminato dalla scientifica tutto il pomeriggio. Si tratterà di capire perché non sia scattato il meccanismo che riapre la porta in caso di emergenza.

Maggiori dettagli nel servizio di TeleTicino

Redazione | 12 mar 2018 20:00

Articoli suggeriti
La giovane di 11 anni sarebbe stata trascinata per oltre 60 metri. Ha riportato ferite serie
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'