Accedi

Medico accusato di omicidio colposo

Un viceprimario dell'Ospedale Regionale di Lugano comparirà alla sbarra per la morte di una 25enne

Comparirà presto alla sbarra un viceprimario dell’Ospedale Regionale di Lugano, accusato di omicidio colposo per la morte di una 25enne. 

La vicenda risale al novembre 2012. La giovane, riferisce la RSi, si era presentata al Civico dopo essere svenuta, ma fu dimessa il giorno successivo. La 25enne non voleva saltare gli esami di avvocatura. Ma l'8 dicembre si sentì di nuovo male e venne trasportata d'urgenza all'Italiano, dove morì a causa di una tromboembolia polmonare. 

Sotto inchiesta finirono cinque persone. Per quattro di loro - due medici e due assistenti - è stato emesso un decreto d'abbandono, mentre il vice-primario è stato rinviato a giudzio. 

Il procuratore generale John Noseda lo accusa di una serie di negligenze: di non aver diagnosticato il rischio di tromboemboliga, di non aver eseguito gli esami necessari, di non aver trattenuto la paziente per ulteriori accertamenti e per non aver prescritto le cure adeguate. Il medico, per contro, respinge ogni accusa. 



Redazione | 12 mar 2018 18:06