Accedi
Sfoglia la galleryCommenti 5

"Sfiorata tragedia a Magliaso, ma non è la prima volta"

Una signora racconta: "Ho dovuto aiutare un anziano che era rimasto intrappolato tra le porte del treno a Caslano"

Le circostanze dell'incidente ferroviario avvenuto ieri mattina a Magliaso, dove una ragazza di 11 anni è stata trascinata dal treno dopo essere rimasta incastrata con il piede tra le porte, sono ancora tutte da chiarire. Ma la vicenda ha sollevato qualche perplessità tra chi prende regolamentare il trenino. È il caso di una signora di 70 anni residente ad Agno, secondo cui non è la prima volta che delle persone rimangono incastrate tra le porte, anche se con conseguenze meno gravi rispetto a quanto successo ieri.

"Ho dovuto aiutare un anziano signore che con il girello era rimasto intrappolato tra le porte del treno a Caslano" racconta la signora, preoccupata per i tempi troppo stretti concessi agli utenti per poter salire e scendere dal convoglio. "Fortuna che il treno non è partito e le porte si sono riaperte. Ma lo spavento è rimasto e il signore ha preso anche un bel colpo. Ci sono rimasta male per lui. Poteva anche prendere un infarto!"

La signora stessa è stata "vittima" di un episodio simile ad Agno: "Mi stavo recando a Melide con il treno delle 7.34, tra l'altro pienissimo di gente. Mentre stavo per salire le porte si sono improvvisamente chiuse e io sono rimasta intrappolata nel mezzo. Grazie all'aiuto di alcuni giovani all'interno del convoglio sono riuscita a liberarmi e proseguire la corsa. Ma è scandaloso che non si abbia nemmeno il tempo per salire. Penso soprattutto alle persone più anziane, che fanno molta più fatica a muoversi".   

La signora ha già segnalato la problematica alle autorità competenti. 

 

 

 

Redazione | 13 mar 2018 09:07

Articoli suggeriti
La giovane di 11 anni sarebbe stata trascinata per oltre 60 metri. Ha riportato ferite serie
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'