Accedi
Commenti

“Costrette a pagare fino a 5’400.- al mese per prostituirsi”

Ecco le regole del Bar Oceano - John Noseda ha chiesto una pena di 2 anni e mezzo per Ulisse Albertalli e la figlia

“Alle prostitute era permesso di praticare la loro attività al Bar Oceano solo se avevano una camera al piano di sopra, altrimenti non potevano farlo”, ha detto il procuratore generale John Noseda. “La condizione per prostituirsi - ha continuato - era quella di accettare di pagare tra i 4’800 e i 5’400 franchi al mese per una stanza”.

“Tutti i giorni che Dio manda in terra, dovevano fare una prestazione e mezza solo per pagare la camera”, ha tuonato il pg, che ha ricordato come quelle che lavoravano all’Oceano erano donne che provenivano da paesi poveri.

Ma, soprattutto, John Noseda ha portato come prova alcune delle regole del Bar Oceano, per spiegare come le prostitute fossero strettamente controllate. Ecco quelle citate in aula dal pg:

• Fino alle 21 attendere che il cliente prenda la consumazione e faccia il primo sorso.

• Tutte le prestazioni promesse vanno mantenute.

• Trattare bene il cliente, non mettere fretta.

• Se sc***te con uno del personale e non lo comunicate, siete fuori.

• Concordate il prezzo con il cliente in euro o in franchi.

• Quando il locale è aperto devono sempre pagare l’ingresso del locale, anche se entrano direttamente dalla reception.

• In caso di partenza comunicare due settimane prima, in caso contrario perderete la cauzione.

Noseda ha contestato anche il fatto che il Bar Oceano fosse gestito come un albergo: “Le donne dovevano pulire la loro camera e anche gli spazi comuni, se io vado in un albergo non mi chiedono di pulire la stanza”, ha detto.

Il pg ha quindi chiesto una pena di 2 anni e mezzo per Ulisse Albertalli e la figlia.

Filippo Suessli | 9 feb 2018 14:03

Articoli suggeriti
L’avvocato difensore Marco Garbani ha riservato frecciatine anche alla politica. Chiesta l’assoluzione
Ulisse Albertalli e la figlia a processo per usura e sfruttamento della prostituzione, gli imputati rigettano tutte le accuse
Nel processo all'ex patron del Bar Oceano il PG rischia di dover... interrogare sé stesso
E' previsto a febbraio il processo a Ulisse Albertalli e alla figlia
L'ex patron del bar Oceano, Ulisse Albertalli, ha scritto al Tribunale penale per lagnarsi dei tempi della giustizia
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'