Accedi
Commenti 22

Doppio volo per Berna, chi paga?

Due voli distinti per Cassis e Leuthard, ma nessuna spesa eccessiva: "Altrimenti il jet deve volare vuoto..."

Il ‘doppio viaggio’ da Lugano a Berna del jet di Palazzo federale (uno per Ignazio Cassis e uno per Doris Leuthard, vedi articolo suggerito) ha immancabilmente suscitato un interrogativo sempre attuale: chi paga? Ovvero: la decisione del capo del DFAE di decollare in anticipo rispetto alla tabella di marcia e, di conseguenza, di far rientrare il jet a Lugano per imbarcare la collega e riportarla a Palazzo implica una spesa supplementare per i cittadini?

La risposta a quanto pare, è no. Interpellato dal Tages Anzeiger, infatti, il portavoce del DFAE Jean-Marc Crevoisier ha spiegato che il Falcon 900 deve effettuare un numero minimo di ore di volo all’anno.  “Spesso deve volare vuoto, quindi i piloti erano ben contenti di poter viaggiare con un po’ di compagnia”.

Il jet in questione, un Falcon 900EX che fino al 2012 era operativo con la registrazione 3A-MGA come aereo di Stato del Principato di Monaco e acquistato d’occasione per 35 milioni di franchi, deve infatti volare almeno 600 ore all’anno (o meglio, gli 8 piloti devono realizzare ciascuno un minimo di 150 ore). Troppe anche per l’intero Consiglio federale. 

In un articolo del luglio 2015 il Blick aveva evidenziato che nel 2014 il jet ha volato ben 108 ore totalmente vuoto. Un’ora di volo, ha spiegato, costa ben 8'600 franchi.

La questione, a suo tempo, era approdata anche sui banchi del Consiglio nazionale. La parlamentare socialista Evi Alleman aveva parlato di “problema ecologico e follia finanziaria”, sostenendo che il Consiglio federale dovesse interrogarsi sulla reale necessità di avere a disposizione 8 piloti. Richiesta rispedita al mittente dal consigliere nazionale e allora presidente della Commissione della politica di sicurezza del Nazionale Thomas Hurter (UDC).

Redazione | 9 feb 2018 15:00

Articoli suggeriti
Il consigliere federale sarebbe ripartito dal Ticino in aereo in anticipo. Stando alla Weltwoche la collega è "furiosa"
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'