Accedi
Commenti 1

"Un progetto per scoprire i segreti del tiro"

Il giocatore dei Rockets Zaccheo Dotti e il compagno di studi Samuele Deluigi, sperano di poter implementare la loro ricerca

Zaccheo Dotti, oltre ad essere un giocatore faro dei Ticino Rockets, è anche uno studente di ingegneria meccanica alla SUPSI prossimo al diploma. Come anticipato questa mattina (vedi articoli suggeriti), Zaccheo è alle prese con un interessantissimo progetto che mira a capire tutti i segreti del tiro e del bastone da hockey. 

Contattato al telefono, il più giovane dei fratelli Dotti ci ha raccontato i dettagli della sua ricerca. "La prima cosa che ci tengo a dire - inizia Zaccheo -, è che oltre a me è coinvolto anche un altro studente, Samuele Deluigi. Entrambi siamo appassionati di hockey e il tutto è iniziato da una discussione con il docente Matteo Dotta, che abbiamo conosciuto in un'attività di laboratorio. Ci siamo seduti a un tavolo e ci ha chiesto se fossimo interessati a fare qualcosa di diverso, in ambito sportivo. Insieme siamo arrivati all'idea".

Il progetto del semestre autunnale, è dunque nato dall'unione di due passioni: l'hockey e l'ingegneria meccanica. Un'idea che si è tradotta nello studio del bastone e del tiro: "Abbiamo montato degli estensimetri sui bastoni, così da misurare le informazioni del manico e della paletta quando si impattano ghiaccio e disco. Con l'aiuto della telecamera ad alta velocità, capace di filmare in contemporanea, riusciremo a capire meglio i dati. Dai risultati delle analisi vedremo se ci sarà qualcosa di interessante per poter andare avanti in modo più concreto. Al momento è solo un progetto di massima che si limita ad analizzare il tiro".

Una ricerca che, si spera, un giorno si potrà sviluppare in qualcos'altro:"Un'idea per il futuro c'è - continua Zaccheo -, ma rimaniamo coi piedi per terra. Sarebbe bello implementare un sistema di misura nella fase di costruzione del bastone. L'obiettivo, che al momento è utopia, sarebbe quello di iniziare una collaborazione con un'azienda costruttrice. Ma come, cosa e quando, è ancora tutto da definire, siamo ancora agli albori".

Prima di arrivare all'azienda costruttrice, ci sarà probabilmente la possibilità di approfondire la ricerca all'interno degli stabili SUPSI. "Al momento è solo un progetto di semestre, ma se diventerà quello che mi auguro, allora sarà anche un progetto di diploma e a quel punto avremo più mezzi a diposizione". E a proposito di diploma, Zaccheo si avvia al termine degli studi, e forse bisognerà decidere tra l'hockey e una carriera in altri ambiti..."Per me  è indubbiamente un tema di riflessione. A fine stagione bisognerà valutare tutte le prospettive e vedere se si aprono delle opportunità sportive. In base a quello deciderò dove concentrare i miei sforzi, portare avanti entrambe le attività, non è facile".

dv

 

 

 

Redazione | 12 gen 2018 14:30

Articoli suggeriti
Il progetto di uno studente SUPSI permette di avere dettagli dell'impatto del bastone da hockey al momento del tiro
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'