Accedi
Commenti 9

A processo i due agenti accusati di aggressione

Secondo un rumeno, i poliziotti l’avrebbero spintonato e picchiato. Ci sarà un sopralluogo per ricostruire i fatti

Due agenti della Polizia cantonale e un cittadino rumeno a metà mese saranno chiamati a ricostruire quanto accaduto il 23 gennaio 2015 nel garage della centrale di Camorino. Stando alla versione del giovane straniero, i poliziotti l’avrebbero spintonato, trascinato e picchiato. Alcuni pugni, un calcio, una mano al collo e una ginocchiata nelle parti intime mentre l’uomo era ammanettato.

Come riporta il Corriere del Ticino, gli imputati respingono ogni addebito, affermando che la perquisizione seguita all’intervento (che aveva portato al fermo di un gruppo di presunti ladri) si è svolta in maniera proporzionale e nel rispetto dei diritti dei sospettati. I reati di cui devono rispondere gli agenti sono quelli di lesioni semplici e abuso di autorità nonché – solamente per uno – di vie di fatto. Durante il processo ci sarà anche il sopralluogo che verrà effettuato al Posto di polizia di Camorino. 

Maggiori informazioni nell'edizione odierna del Corriere del Ticino, a pagina 10

Redazione | 3 gen 2018 05:35

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'