Accedi
Commenti 18

Ricatto UE, "Cassis smetta di nascondersi"

Il Partito socialista invita il Consigliere federale ticinese a prendere in mano il dossier europeo

Il Partito socialista invita i consiglieri federali borghesi a smetterla di comportarsi in modo ritenuto controproducente in ambito di politica europea. Il PS chiede a Ignazio Cassis di prendere in mano il dossier. Lo scopo è di presentare risultati sul fronte dell'accordo istituzionale ancora nel 2018.

Per la formazione di Christian Levrat nel tema in questione l'esecutivo sta offrendo un'immagine "desolante", si legge in un comunicato. Dapprima Didier Burkhalter procrastina senza costrutto i lavori all'accordo istituzionale, poi Doris Leuthard lega senza necessità la questione tecnica dell'equivalenza della Borsa elvetica con il già da tempo maturo contributo di coesione. In seguito Ueli Maurer e Johann Schneider-Ammann in interviste insistono ancora di più sull'aspetto politico dei rapporti. "E poi il Consiglio federale si stupisce se l'UE perde la pazienza e a sua volta adotta misure di natura politica".

Il massimo della goffaggine - agli occhi del PS - è rappresentato dall'annuncio odierno dell'abolizione dell'imposta di bollo in Svizzera. "Null'altro che un dono fiscale di miliardi di franchi, completamente inutile, a speculatori di Borsa e aziende", afferma Levrat, citato nel comunicato. Un regalo all'industria finanziaria che non contribuisce in alcun modo a distendere le relazioni con l'UE, sostiene il consigliere agli Stati friburghese.

Per Levrat "il ministro degli esteri Cassis deve finalmente prendere in mano l'incarto e smetterla di nascondersi dietro al periodo di grazia di 100 giorni". La cacofonia delle ultime settimane ha provocato già troppi danni: la Svizzera necessita di relazioni sicure con i vicini europei, altrimenti si rischia il blocco totale, avvertono i vertici socialisti. Cassis e l'intero Consiglio federale devono finalmente occuparsi in modo serio dell'accordo istituzionale e presentare ancora nel 2018 dei risultati, conclude il PS.

ATS/Red. | 21 dic 2017 16:05

Articoli suggeriti
Anche il PLR nazionale reagisce al 'ricatto UE': "Il mercato finanziario svizzero è fondamentale"
Secondo l'UDC bisogna adottare delle contromisure. "Leuthard ha valutato male..."
Il Consiglio federale ritiene discriminatoria e di dubbia legalità la decisione dell'UE. Il miliardo di coesione potrebbe essere rivisto
Bruxelles ha ufficialmente approvato la decisione di riconoscere l'equivalenza della borsa svizzera a un solo anno
La Lega dei Ticinesi sull'equivalenza: "Atto di arroganza, il Consiglio federale ritiri subito il regalo da 1,3 miliardi"
Equivalenza della borsa svizzera: il consigliere nazionale PD Fabio Regazzi irritato dai "mezzucci" di Bruxelles
L'UE conferma: l'equivalenza della borsa svizzera limitata a un anno è legata all'accordo quadro istituzionale. E ora?
Molti deputati a Berna sono perplessi sull'opportunità di versare il miliardo di coesione
Ignazio Cassis contrario alla limitazione dell'equivalenza finanziaria. "Potremmo ridiscutere il miliardo di coesione"
Il Consiglio federale contava di regolare il dossier delle borse grazie anche al miliardo di coesione, ma...
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'