Accedi
Sfoglia la galleryCommenti 23

Caos ferroviario, anche i parlamentari a piedi

A causa di un blackout alla stazione di Bellinzona, i treni non circolano a nord di Giubiasco e a sud di Castione. Disagi almeno fino alle 15

Blackout alla stazione di Bellinzona. A causa di un guasto alla linea di contatto (probabilmente dovuto a un filo elettrico che si è rotto a causa della neve) i treni non circolano da e per la capitale.  

Come comunicano le FFS, i treni a lunga percorrenza sono bloccati a Lugano e al momento nessun treno circola a nord delle Alpi. I treni regionali che viaggiano verso nord si fermano a Giubiasco, mentre quelli che viaggiano verso sud si fermano ad Arbedo-Castione. 

I disagi sono previsti almeno fino alle ore 15, ma è possibile che durino anche di più. A causa della neve, non sono previsti bus sostitutivi.

Chi dal Bellinzonese deve recarsi a Locarno o Lugano, le FFS consigliano di recarsi alla stazione di Giubiasco. Chi invece deve andare in Leventina, si consiglia di andare alla stazione di Arbedo-Castione. 

Confrontati con i disagi, anche diversi parlamentari faticano a raggiungere la capitale per la sessione parlamentare odierna. Tra questi il deputato Michele Foletti, che in un tweet scrive: "Il Tilo mi ha scaricato a Giubiasco".

 

 

Redazione | 11 dic 2017 13:49

Articoli suggeriti
Soppressi alcuni treni tra Locarno e Cadenazzo, ritardi sul resto della rete e autoparlanti fuoriuso
Disagi sulle strade per le forti nevicate. Sale l'allerta nel Sopraceneri. Obbligatorio l'uso di gomme della neve
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'