Accedi
Commenti

Incendio a Sonvico, è ancora doloso

Confermata l'intenzionalità del gesto. Le caratteristiche ricordano il rogo divampato un mese fa nella stessa zona

Due incendi a distanza di un mese. Entrambi nei boschi sopra Sonvico. L’ultimo risalente a sabato scorso, in zona San Martino, vicino alla chiesa. Un rogo anomalo, spiega il portavoce della polizia cantonale Renato Pizzoli ai microfoni di Teleticino, che porta ad una sola conclusione:

"Il lavoro degli inquirenti porta a confermare l'origine dolosa dell'episodio dell'incendio di Sonvico di sabato scorso" spiega Pizzoli. "La natura dell'accensione, i diversi focolai, come si trovava il terreno in quel momento (che era gelato), portano a questa conclusione". 

Sul posto non è stato trovato né benzina né un accelerante. Ma per gli inquirenti – sulla base dei riscontri dei pompieri di Lugano - l’origine è dolosa. 

"L'intenzionalità del gesto l'abbiamo appurata, constatando che l'incendio è stato appiccato in 3 punti diversi a distanza di 150-200 metri l'uno dall'altro" rileva Mauro Gianinazzi, comandante dei pompieri di Lugano.

Per ovvi motivi d’inchiesta, le informazioni filtrano con il contagocce. Che dire allora dell'altro incendio divampato il 31 ottobre scorso. Ancora un volta Sonvico, ancora una volta un incendio doloso che ha mandato in fumo 4600 metri quadrati di bosco. Anche in questo caso gli inquirenti hanno concluso per un'origine dolosa, considerata la natura del rogo: in luoghi distinti a distanza di 200 metri l’uno dall'altro. L’uomo insomma c’ha messo del suo.

"Abbiamo constatato più o meno sempre la stessa dinamica" continua Gianinazzi. "Per questo siamo preoccupati".

Di qui la domanda finale: se in qualche modo tra i due roghi di Sonvico, entrambi dolosi, a distanza di 37 giorni, è possibile stipulare un legame. Un’unica mano, un solo piromane.

"Per il momento è prematuro trovare un collegamento tra i due incendi" sottolinea Pizzoli. "Ma è anche vero che è altrettanto prematuro escludere questa ipotesi. Gli inquirenti stanno lavorando su diverse ipotesi, e il lavoro proseguirà sull'identificazione dell'autore o degli autori".

 

 

 

Redazione | 7 dic 2017 19:00

Articoli suggeriti
Questa mattina è divampato un incendio nei boschi di Sonvico - il luogo è lo stesso del 31 ottobre
Il capitano dei pompieri Federico Sala: "In natura è ben difficile che si sviluppi un incendio del genere"
Una trentina di pompieri sono intervenuti per domare le fiamme, divampate sulla strada per la chiesa di San Martino
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'