Accedi
Commenti 1

Lo sportello di inclusione andicap raddoppia a gennaio

Minacciato di chiusura un anno fa, lo sportello ex-Ftia di Giubiasco si potenzia. La formazione di apprendisti va a Bellinzona

«Lo sportello di inclusione andicap ticino di Giubiasco non chiude, bensì raddoppia!» Con questo auspicio, un anno fa, è stata sottoscritta una lettera d’intenti dall’allora Comune di Giubiasco, dalla Commissione Regionale dei Trasporti del Bellinzonese (CRTB), dalla Direzione di inclusione andicap ticino (allora ancora FTIA) e dalle Ferrovie Federali Svizzere per scongiurare la chiusura dello sportello «Alla Stazione» di Giubiasco a seguito dell’annuncio delle FFS di interrompere la vendita di biglietti da parte di terzi.

Oggi i partner del progetto, rappresentati dal direttore di inclusione andicap ticino Marzio Proietti, dal responsabile Regione sud del traffico viaggiatori di FFS Flavio Crivelli e dal municipale di Bellinzona e presidente della Commissione regionale dei trasporti del Bellinzonese Simone Gianini, hanno presentato lo stato dei lavori in vista dell’implementazione della soluzione prevista nella lettera d’intenti.

La formazione e la reintegrazione degli apprendisti con andicap nell’attività di vendita di titoli di trasporto pubblico verrà offerta a partire dal prossimo mese di gennaio allo sportello e negli uffici della stazione FFS di Bellinzona, dove personale e formatori specializzati garantiranno il loro accompagnamento nel contatto con la clientela.

Lo sportello «Alla Stazione» di Giubiasco continuerà invece con l’attività del personale di inclusione andicap ticino nella gestione delle carte giornaliere, nella vendita di prodotti comunali e quale punto d’informazione del nuovo Comune di Bellinzona, che ha rinnovato la convenzione dell’allora Comune di Giubiasco. Oltre a ciò, dal prossimo mese di gennaio 2018, lo sportello «Alla Stazione» di Giubiasco fungerà anche (in aggiunta a quello inaugurato lo scorso anno alla stazione FFS di Bellinzona negli spazi dell’OTR Bellinzonese e Alto Ticino) da punto informativo del trasporto pubblico del Bellinzonese, grazie al supporto di Autopostale Svizzera SA e della Comunità tariffale Ticino e Moesano, con cui sono state sottoscritte le relative convenzioni.

"I partner del progetto" si legge in un comunicato congiunto di inclusione andicap ticino, FFS, Città di Bellinzona e CRTB, "si rallegrano della soluzione inclusiva, dinamica e di grande valore sociale che consente di mantenere tutti i posti di formazione e di lavoro attualmente offerti da inclusione andicap ticino presso la stazione di Giubiasco, anche sull’onda del grande affetto popolare manifestato lo scorso anno con la sottoscrizione da parte di più di 7’500 persone della petizione che ne chiedeva il mantenimento".

Redazione | 7 dic 2017 12:22

Articoli suggeriti
Il CEO Andreas Meyer ha già contattato l'associazione per valutare alternative al progetto di Giubiasco
La FTIA ha indetto una raccolta firme contro la decisione delle FFS di interrompere la vendita di biglietti da terzi
Il Municipio deplora la decisione di cessare la collaborazione con la FTIA. "I disabili lavorano bene e sono utili"
La FTIA critica la decisione di terminare il progetto di Giubiasco. "Le vendite erano in costante aumento"
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'