Accedi
Commenti

Locarno: "Mai detto che non ci fossero più problemi"

Il Municipio risponde sui licenziamenti al San Carlo. D'Errico stizzito: "Che modi pretestuosi e arroganti"

Lo scorso 6 novembre i consiglieri comunali Aron D'Errico (Lega) e Mauro Cavalli (PPD) hanno inoltrato un'interrogazione al Municipio di Locarno per chiedere maggiori lumi su nuovi licenziamenti prospettati nei confronti di due caporeparto alla casa anziani San Carlo. "Ma non andava tutto bene?" chiedevano i due interroganti (vedi articolo suggerito). 

Oggi è giunta la presa di posizione del Municipio, che risponde a tono ai due consiglieri comunali: prima di tutto ribadisce di non aver "mai affermato che al San Carlo non ci fossero più problemi". Semmai i licenziamenti prospettati "vanno proprio nel senso di risolvere i problemi individuati dalla nuova Direzione e fatti propri dal Municipio", che non può rendere noti i motivi della disdetta perché sono pendenti contenziosi con i collaboratori licenziati o in fase di prospettato licenziamento.

“Le criticità sono state in parte risolte e in parte lo saranno nel prossimo futuro” specifica l'Esecutivo, aggiungendo che compito della Direzione dell'Istituto è di procedere con l’analisi di dettaglio e, di conseguenza, conferire al Municipio "gli elementi per portare a compimento il cambiamento in un Istituto che è un organismo grande e complesso (conta pur sempre un quarto di tutti i collaboratori del Comune)". Il clima di lavoro generale è "migliore" ed è "comprovato dalle verifiche che si sono succedute". Recentemente si è inoltre svolto un incontro tra i famigliari e la Direzione a cui hanno partecipato 49 persone e dal quale sono emersi apprezzamenti sul lavoro svolto in funzione della qualità di vita dei pazienti e delle loro famiglie e suggerimenti utili ad ulteriormente migliorare la qualità dei servizi offerti. La Direzione ha iniziato "la fase di consolidamento verso procedure moderne di gestione, revisione di numerosi processi amministrativi, assistenziali, gestionali, progetti di ristrutturazione degli stabili e di cambiamento dell’assetto istituzionale dell’Istituto" spiega infine il Municipio.

Non sono mancante comunque critiche ai due interroganti, rei di essersi basati su informazioni "non verificate o non veritiere che mirano a creare clamore" secondo il Municipio. 

Risposta, quest'ultima, che ha stizzito i due consiglieri comunali: "Non accettiamo questo modo arrogante e pretestuoso di attaccare e sminuire chi per competenza istituzionale ha il diritto di porre qualsiasi tipo di domanda al Municipio, specialmente domande scomode che possono dare fastidio a chi detiene il potere" ribadiscono D'Errico e Cavalli. "Quindi preghiamo il Municipio di rispondere in maniera educata senza usare modi e toni che abbiano solo il fine di sminuire chi lavora per il bene del Comune di Locarno senza fatturare le ore per una risposta ridicola e poco trasparente come fatto dal Municipio. I nuovi licenziamenti al S. Carlo, così come i noti problemi che hanno coinvolto l'istituto, sono un dato di fatto, non una "fake news".

 

 

 

 

 

 

Redazione | 30 nov 2017 19:59

Articoli suggeriti
D'Errico e Cavalli interrogano il Municipio di Locarno sui licenziamenti alla casa anziani: "Problemi irrisolti"
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'