Accedi
Commenti 5

Cassis loda le regioni periferiche

Prima uscita pubblica per il neo consigliere federale, che si è espresso anche sull'iniziativa No Billag

Il nuovo consigliere federale ticinese Ignazio Cassis ha fatto la sua prima uscita pubblica oggi a Wattwil (SG) per il Congresso del distretto del Toggenburgo del PLR.

In un discorso ha sottolineato l'importanza e le chance delle regioni periferiche, come la Svizzera orientale e il Ticino.

Entrambe sono regioni periferiche solo all'interno della Svizzera e solo a livello geografico. La Svizzera orientale e il Ticino sono infatti in mezzo all'Europa e hanno uno scambio intenso con i loro Paesi vicini con cui, oltre alla storia e alla cultura, condividono la lingua. Entrambe le regioni sono quindi "costruttrici di ponti", ha detto il ticinese davanti ai membri del PLR sangallese.

La posizione di confine di entrambi i cantoni apre a delle chance e dà impulsi. Nonostante la pressione sul mercato del lavoro svizzero, San Gallo e Ticino approfittano della libera circolazione delle persone. E la profondità delle relazioni tra la Svizzera e i suoi Stati confinanti è una priorità della strategia di politica estera del Consiglio federale per gli anni 2016-2019, ha sottolineato il nuovo ministro degli esteri.

Il suo partito, il PLR, si batte per valori centrali come la libertà, la responsabilità, la coesione nazionale e il senso civico. Per la molteplicità della Svizzera devono contribuire tutte le persone di questo Paese.

Un esempio è l'erogazione di base dei media audiovisivi, ha affermato Cassis, dicendosi contrario all'iniziativa per l'abolizione del canone Billag, su cui si voterà il prossimo 4 marzo. Il taglio del finanziamento alla SSR minaccerebbe la coesione nazionale, a suo avviso.

ATS/red | 11 nov 2017 12:03

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'