Accedi
Commenti 5

Prima i Nostri: "Margine di manovra assai limitato"

La Comissione delle istituzioni politiche del Nazionale propone al Parlamento di concedere la garanzia federale

Le modifiche alla Costituzione ticinese introdotte con l'iniziativa popolare "Prima i nostri" lasciano un margine di manovra, assai limitato, per un'applicazione conforme al diritto federale e internazionale. È quanto ritiene la Commissione delle istituzioni politiche del Nazionale, che propone al plenum di concedere la garanzia della Confederazione al testo.

Se l'applicazione a livello di legge non dovesse essere conforme al diritto federale e internazionale, sarà possibile contestarla giuridicamente, si legge in una nota odierna dei servizi del parlamento.

L'iniziativa, approvata dal popolo il 25 settembre del 2016, mira proteggere la manodopera e istituire la preferenza indigena.

 

 

Redazione | 10 nov 2017 15:35

Articoli suggeriti
Per evitare un altro 'caso Burgarella', la Commissione delle petizioni vuole introdurre la preferenza indigena nell'amministrazione comunale
Il direttore del DI convocato in Legislazione per dipanare molti quesiti, tra cui come applicare la preferenza indigena
Marchesi indignato per la lettera con la quale si invita PLR e PPD a bocciare tutte le proposte su "Prima i nostri"
Il Gruppo transfrontaliero europeo ha scritto ieri una lettera. "Altri cantoni potrebbero emulare il Ticino"
Botta e risposta tra il presidente dell'UDC Piero Marchesi e il presidente di AITI Fabio Regazzi su "Prima i nostri"
L'UDC esulta dopo che il Consiglio federale ha dichiarato l'iniziativa "Prima I Nostri" conforme al diritto federale
Secondo il CF l'iniziativa è conforme al diritto federale, ma il margine di manovra del Cantone è "limitato"
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'