Accedi
Commenti 18

MPS paga le firme? Parla l'ex municipale: "Confermo tutto"

La versione di Claudio Buletti, ex Municipale a Giubiasco, sul pagamento delle firme per il referendum a Bellinzona

A Bellinzona è caos sulle firme raccolta dal gruppo MPS sul referendum contro l'aumento dei salari dei Municipali previsto dal nuovo regolamento comunale. La scorsa settimana infatti Opinione Liberale ha pubblicato un articolo accusando il Movimento per il Socialismo di pagare i raccoglitori delle firme necessarie alla riuscita del referendum. Tesi smentita seccamente da Giuseppe Sergi, il quale aveva dato una settimana di tempo al settimanale del Plr per dimostrare la veridicità delle accuse. Per saperne di più vedi articoli correlati.

Passata una settimana, Opinione Liberale torna alla carica pubblicando le cifre, circa 80 centesimi di franco a firma, e i post di due ex politici che raccontano di aver visto un signore raccogliere le firme affermando di essere pagato per farlo.

Uno dei due è l'ex Municipale socialista di Giubiasco Claudio Buletti, il quale a Ticinonews conferma la sua versione. "Confermo tutto e non ho problemi a farlo. Ero in un bar - racconta Buletti - con Ilario Bacciarini del Plr quando un signore si avvicina e chiede se voglio firmare questo referendum. E, quando gli chiedo per chi sta raccogliendo le firme, mi risponde candidamente che lo sta facendo per Pronzini il quale garantisce un pagamento di 80 centesimi a firma. Questo è l'episodio a cui ho assistito e a cui erano presenti testimoni".

Pino Sergi nei giorni successivi ha attaccato l'ex Municipale socialista per quel post, sia via social sia in un articolo pubblicato lunedì sul sito del Movimento (vedi suggerito): "Vero, tirando in ballo mio figlio, che non c'entra nulla nella discussione, usando un linguaggio da vero leghista. Evidentemente raccogliere firme con la Lega gli ha subito dato l'ispirazione. Ma ormai sono abituato a queste polemiche dell'MPS contro il PS: un gioco a chi è più a sinistra che sta facendo il male della stessa sinistra. E pensare che io Sergi e Pronzini li avevo pure votati...".

E, sull'invito di Sergi a chiedere scusa: "Non ci penso neanche. Io ho riportato un episodio a cui ho assistito, non vedo perché dovrei chiedere scusa. Piuttosto è lui che deve chiedere scusa a mio figlio per come lo ha attaccato senza motivo. Che poi a fare le pulci sulla politica bellinzonese siano due persone che sono state elette ma che poi non hanno accettato la carica è davvero paradossale... Ma ripeto: non chiedo scusa e confermo quanto ho visto".

 

 

Redazione | 10 nov 2017 10:30

Articoli suggeriti
Opinione Liberale risponde all'MPS e pubblica il j'accuse di un ex municipale di Giubiasco
Giuseppe Sergi non ci sta e passa al contrattacco: "O provano quello che dicono oppure rettificano. Altrimenti li denuncio"
In un articolo di Opinione Liberale il partito attacca l'MPS: "Alla faccia di spacciarsi per quelli senza macchia..."
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'