Accedi
Commenti 1

Bertoli: "Apprendisti, un anno positivo per il Ticino"

Diminuiti i frontalieri maggiorenni, ma il direttore del DECS non abbassa la guardia: "Possiamo ancora migliorare"

Impiegati di commercio, commessi, meccanici, elettricisti e muratori. Sono state le 5 professioni più gettonate dagli apprendisti nel 2017. Un’annata che si chiude con un bilancio positivo: stando alle cifre comunicate oggi dal Dipartimento Educazione Cultura e Sport tutti i giovani che hanno terminato a giugno la scuola dell’obbligo hanno trovato un collocamento.

"E' andata bene, considerato che tutti gli apprendisti sono stati collocati, mentre i posti di tirocinio vacanti sono solo 7. - spiega Manuele Bertoli - Questo vuol dire che c'è un perfetto equilibrio tra domanda e offerta. Il che significa però che i margini di manovra per la ricerta del posto di lavoro sono ridotti".

Detto in altre parole, non per tutti è stato possibile trovare il lavoro sperato. Le cosiddette “scelte di ripiego” continuano infatti ad essere consistenti. "Purtroppo non siamo come la Svizzera tedesca, dove i posti di tirocinio superiori alla domanda sono 200-300, dando quindi la possibilità ai ragazzi di trovare l'impiego sperato", spiega il direttore del DECS.

Un quadro sul quale (in ogni caso) ha influito positivamente il numero (crescente) di posti messi a disposizione dalle aziende e che parallelamente vede stabilizzarsi la percentuale di presenza dei frontalieri: dalle 166 unità del 2013 alle 48 del 2017.

"C'erano due problemi principali: l'aumento di apprendisti maggiorenni frontalieri e i lavori pericolosi per i ragazzi. Con le nuove ordinanze, cantonali e federali, abbiamo risolto questi problemi", conclude Bertoli.

Redazione | 9 nov 2017 19:30

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'