Accedi
Commenti 7

"No all'espansione dei centri commerciali"

Sinistra e Verdi di Balerna e Morbio Inferiore bocciano la variante per il comprensorio Serfontana-Bisio: "Evitiamo edificazioni inutili"

Nuovi ostacoli per la variante pianificatoria per il comprensorio Serfontata-Bisio, presentata dai Municipi di Balerna e Morbio Inferiore. Dopo le critiche del Dipartimento del Territorio espresse in un  rapporto preliminare, giungono anche quelle dei Gruppi della Sinitra e dei Verdi dei due comuni, che stroncano quanto proposto dagli Esecutivi. 

I gruppi socialisti e ambientalisti dei due comuni ritengono infatti "impresentabile" la variante che comprende i due centri commerciali Serfontana e Centro Breggia, riservandosi la possibilità di indire un referendum qualora l'esercizio non venisse rifatto. "Non troviamo né accettabile, né serio, sottoporre un documento tanto carente alla popolazione" evidenziano i gruppi nelle loro osservazioni.

Secondo i Gruppi della Sinistra e dei Verdi gli Esecutivi si sono preoccupati più degli interessi dei privati che quelli dei cittadini, e chiedono di salvaguardare meglio il verde rimasto, limitando lo sviluppo quantitativo delle superfici di vendita: "La scheda del Piano direttore cantonale prevede per il comparto Grande generatore di traffico Bisio-Serfontana una superficie di vendita totale di circa 40mila metri quadrati. Attualmente tale superficie è già raggiunta e realisticamente non si intravede un bisogno delle attività commerciali di maggiori spazi di vendita" sottolineano i gruppi in una nota. "I centri commerciali Serfontana e Manor sono piuttosto confrontati con una dinamica contraria: chiusure e aperture per cambi di attività che non lasciano pensare a necessità di altre superfici di vendita. Cerchiamo di evitare edificazioni inutili e spazi inutilizzati facendo tesoro dell’esperienza fallimentare del centro Ovale di Chiasso".

I Gruppi della Sinistra e dei Verdi di Morbio Inferiore e Balerna chiedono quindi fermamente "il mantenimento e la valorizzazione dei prati in zona Polenta, la salvaguardia della collina Bellavista sovrastante il Centro Breggia, un'effettiva rinaturazione del corso della Breggia, una mobilità più sostenibile, una valutazione realistica del fabbisogno di ulteriori spazi commerciali e amministrativi e il mantenimento delle zone di protezione del Pozzo Polenta anche nell'interesse delle generazioni future".

 

 

Redazione | 9 nov 2017 08:02

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'