Accedi
Commenti

Nuovi licenziamenti al S. Carlo: ma non andava tutto bene?

D'Errico e Cavalli interrogano il Municipio di Locarno sui licenziamenti alla casa anziani: "Problemi irrisolti"

"La situazione alla casa anziani S. Carlo di Locarno non sembra ancora essersi risolta. Nonostante le rassicurazioni del Capodicastero Socialità, Ronnie Moretti (PS), all’interno della struttura ci sarebbero ancora svariati problemi. Infatti, negli scorsi giorni due caporeparto hanno ricevuto la lettera con cui si prospetta il loro licenziamento". Così comincia l'interrogazione che i consiglieri comunali locarnesi Aron D'Errico (Lega) e Mauro Cavalli (PPD) hanno inoltrato al Municipio di Locarno.

Secondo i due consiglieri, "questi nuovi licenziamenti sono quindi l’ennesima dimostrazione che i problemi tra il personale hanno continuato a persistere. Se si arriva ad una misura radicale come il prospettato licenziamento di due quadri superiori, dopo anni dall‘esplosione del caso, c’è da chiedersi quanto tempo ci voglia ancora per risolvere in via definitiva le criticità che ancora permangono".

"Invece per quanto riguarda lo strumento RAI (Resident Assessment Instrument = strumento di valutazione dei bisogni per gli ospiti delle case per anziani), la situazione di implementazione del sistema per la descrizione del minutaggio delle cure non sembra ancora ottimale. Questo fatto potrebbe avere delle ricadute finanziarie sulla Città, in quanto il Cantone (e probabilmente anche le Casse Malati) non riconoscerebbe tutte le cure prestate sui pazienti e quindi non andrebbe a risarcire tutte le ore fatturate".

"Auspichiamo infine - proseguono D'Errico e Cavalli - che le criticità all’interno della casa anziani vengano risolte al più presto in via definitiva. Così come vanno ringraziati tutti quei dipendenti che, in questi ultimi anni di tensioni, licenziamenti e avvicendamenti, hanno sempre garantito con impegno e professionalità una serena permanenza agli anziani residenti".

I due consiglieri comunali chiedono all'esecutivo i motivi dei nuovi licenziamenti al S.Carlo e il motivo per cui la situazione non è ancora stata risolta, con il Capo Dicastero che dovrebbe prendere in mano il problema. 

Inoltre, secondo gli interroganti, "il Cantone potrebbe non risarcire parte delle prestazioni fornite ai pazienti e che questo fatto andrebbe da subito inserito nei Conti Preventivi 2018 con un accantonamento di riserva".

 

Redazione | 6 nov 2017 10:24

Articoli suggeriti
Valentina Ceschi interroga il Municipio sui problemi all'interno del Corpo Pompieri della città
A dirigere la casa anziani di Locarno sarà Stefano Hefti, attuale direttore della Fondazione Hospice Ticino
Il consigliere comunale Aron D'Errico evidenzia "problemi a danno dei dipendenti e degli anziani". Scatta l'interrogazione
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'