Accedi
Commenti 1

Galeazzi e la "carta del formac": l'UDC risponde

È iniziato lo scontro in vista della nomina, questa sera, di tre membri del CdA della Lugano Airport SA

A poche ore dalla seduta durante la quale il Consiglio comunale di Lugano procederà alla nomina di tre nuovi consiglieri d'amministrazione della Lugano Airport SA, il tema sta intanto facendo scorrere fiumi d'inchiostro su Facebook.

Tra i vari post ve n'è uno che esce da Facebook e travasa sui media, in quanto ha suscitato la reazione dell'UDC, che poco fa ha preso posizione tramite un comunicato stampa "urgente".

A scrivere il post in questione è stato il presidente della sezione PPD di Lugano, Angelo Petralli, il quale in una chat ha criticato le modalità con le quali l'UDC ha presentato il suo candidato, Franco Mosè. "Non stiamo nominando il comitato della bocciofila" ha scritto Petralli. "La proposta avanzata dall'UDC non la metto in dubbio, ma il PLR, la Lega e il PS hanno inviato per tempo le proposte fatte dal Municipio con CV e ne abbiamo discusso in gruppo più volte, invece il caro Tiziano Galeazzi ha portato la proposta in Commissione interpartitica con una copia CV come la "carta del formac" come sempre superficialmente..."

La presidente della sezione UDC di Lugano, Simona Sassi Ceresola (nella foto), replica quindi ad Angelo Petralli con il seguente comunicato stampa "urgente":

"Caro signor Petralli,

leggo alcune sue affermazioni che ci riguardano attraverso una chat di cittadini contribuenti, dalle quali si evince che il suo gruppo voterà questa sera i candidati per l’elegante modo in cui sono stati presentati (tipo di carta su cui sono stati stampati i CV compresa) e non tanto per le effettive competenze, sottolineando altresì una “solita superficialità” da parte del nostro capogruppo Galeazzi (in realtà probabilmente volutamente scansato per non interferire in manovre già decise?).

In qualità di Presidente vorrei scusarmi per la nostra mancanza di bon ton (in futuro le prometto che cercheremo di migliorare questo aspetto, da parte mia le suggerisco però una ripassata della sintassi della lingua italiana) ma soprattutto rincuorarla poiché abbiamo invece intenzione di andare molto in profondità alla questione, non preme a quanto pare solo a noi sapere come mai non si siano dimessi tutti dal CdA e, soprattutto, cosa succederà all’aeroporto dopo l’investimento di CHF 20 mio. dei contribuenti!

Infine le confermo che la scelta del nostro candidato è stata ponderata, discussa e decisa da tutta la nostra sezione e non dal solo capogruppo, facendo presente sin d’ora che nominare 2 su 3 candidati senza esperienza in un settore come quello dell’aeronautica comporterà quasi certamente responsabilità e conseguenze non indifferenti."

Redazione | 2 ott 2017 14:37

Articoli suggeriti
Il CdA screma le candidature per la direzione. Tra loro dovrebbero figurare Maurizio Merlo, un alto funzionario cantonale e un imprenditore italiano
Nonostante la bocciatura dai capigruppo Lega, Plr e PS, Mosè Franco si candiderà per il CdA dell'aeroporto
I candidati Mosé Franco e Marco Villa non entreranno nel CdA dell'aeroporto
Il partito ha presentato i suoi candidati "super partes" per completare il CdA dell'aeroporto
Silvano Manera, ex pilota e già direttore dell'Enac, parla di come poter rilanciare lo scalo di Agno
Raoul Paglia (PS), Robert Deillon (PLR) e Marco Bortolin (Lega) i prescelti, verranno presentati alla prossima interpartitica
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'