Accedi
Commenti

"Non c'è nessuna inchiesta amministrativa"

Il sindaco di Torricella-Taverne smorza i toni sulle presunte irregolarità: "Il voto sul credito per l'asilo si farà"

"Non c'è nessuna inchiesta amministrativa". Il sindaco di Torricella-Taverne Tullio Crivelli getta acqua sul fuoco in merito all'istanza inoltrata da 8 consiglieri comunali, che chiedono di sospendere la seduta del Legislativo il prossimo 9 ottobre quando si voterà sul credito di 5,8 milioni per la costruzione dell'asilo e quello di 2 milioni per l'ampliamento del rifugio della Protezione civile, previsto nello stesso stabile.

Secondo gli 8 consiglieri comunali il Municipio non avrebbe mai formalmente affidato, tramite risoluzione municipale, il mandato per l'ampliamento della progettazione della Protezione civile allo studio di architettura Celoria. Da qui la rischiesta di sospendere il voto sul credito, in attesa che la procedura dell'Ufficio dei lavori sussidiati e degli appalti si concluda (vedi articolo suggerito).

Ma, come spiega da noi raggiunto il sindaco, non risulta alcun procedimento in corso. "Non c'è nessuna inchiesta amministrativa. L'ufficio degli appalti ci ha chiesto maggiori informazioni riguardo al mandato, che noi non abbiamo esitato a inviare. Ma posso dire che non c'è nessuna irregolarità".

"Non ho ancora visto l'istanza" aggiunge il sindaco, "ma mi sembra che gli oppositori si stanno arrampicando sui vetri. Che devo dire, ormai questa è la politica".

"Il voto si farà" conclude il sindaco. "Spero vivamente che i consiglieri comunali non rinvieranno la decisione per un tema sul quale stiamo discutendo da 10 anni. Andrebbe a scapito della comunità".

 

 

Redazione | 29 set 2017 18:04

Articoli suggeriti
8 consiglieri comunali chiedono di sospendere il voto sul credito milionario per presunta violazione delle commesse pubbliche
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'