Accedi
Sfoglia la galleryCommenti 79

'Votazione sulla civica come il nazismo': bufera sul docente

Un docente paragona la votazione di ieri al periodo nazista, i deputati insorgono. Il direttore: "Frasi fuori luogo"

La votazione sulla civica come il nazismo? E' questo il paragone che ha fatto su Facebook Maurizio Cimarosti, docente della Scuola Media di Barbengo. Cimarosti, che è pure nel consiglio di direzione dell'istituto, ha poi rincarato la dose dando degli ignoranti ai votanti: "Difficilmente poteva andare diversamente oggi, giacché statisticamente gli ignoranti sono di norma maggiori di coloro che non lo sono". Guarda la gallery per vedere i post.

Parole dure, che hanno scatenato la reazione dei deputati al Gran Consiglio.

Per Tiziano Galeazzi (Udc) è "scandaloso che dei docenti si comportino così e non riconoscano l'esito popolare. Sono questi i docenti che abbiamo a scuola? Mi immagino cosa possano insegnare agli alunni personaggi del genere, che non hanno capito un tubo della civica. Forse è lui il primo a doverla imparare".

Dello stesso avviso Massimiliano Robbiani (Lega): "Forse l'insegnamento della civica sarà utile non solo agli studenti, ma anche a questi docenti che evidentemente negli anni hanno perso qualche nozione al riguardo..."

Andrea Giudici (Plr), auspica che "la direzione della scuola e il Dipartimento valutino queste gravi dichiarazioni e, se del caso, prendano provvedimenti". Secondo Michele Guerra (Lega), i docenti dovrebbero essere i primi a rasserenare gli animi: "Non capisco questo odio nei confronti di una cosa che il popolo ha deciso".

Nel frattempo, come conferma il direttore Marco Calò, anche l'istituto scolastico è intervenuto: "Il docente ha cancellato i suoi post (a dire il vero ne ha tenuto uno dove dice che ignoranza e demagogia hanno convinto i ticinesi, ndr) e si è scusato pubblicamente, dichiarando di accettare il voto popolare avvenuto domenica e di continuare ad insegnare con professionalità e dedizione i valori del nostro sistema di democrazia semidiretta. Ci tengo a precisare che per la nostra scuola la civica ha sempre avuto un ruolo importantissimo ed è stato uno dei pilastri dell'insegnamento a tutti i livelli: lo dimostrano gli innumerevoli progetti che portiamo avanti, come la nostra partecipazione a "Scuole a Berna" e quella, unici in Ticino, a "Scuole a Bellinzona". Oviamente non mi trovo d'accordo con paragoni del genere sulle votazioni popolari, che sono un punto cardine della nostra società. Si tratta comunque di una votazione, quella sulla civica, che non sposterà il nostro modo di fare scuola in quantoi da sempre lavoriamo in questa direzione".

MS

Redazione | 25 set 2017 09:04

Articoli suggeriti
Anche il comitato per il NO stigmatizza le parole del docente di Barbengo. "Non riflette la nostra opinione"
La votazione sulla Civica come il nazismo? "Intollerabile, a maggior ragione se scritto da un docente straniero"
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'