Accedi
Commenti 8

Proto: "Non sono io quello della Ferrari!"

Il faccendiere italiano prende le distanze dall'accaduto di Milano. "Non sono l'unico imprenditore italiano residente a Lugano"

Alessandro Proto ci tiene a sottolinearlo: non è lui quello ad aver aggredito il padre di un disabile a Milano (vedi articoli suggeriti). 

"In queste ore vengo tempestato da mail e telefonate di giornalisti - ci scrive il faccendiere italiano -. Mi accostano al soggetto che ha aggredito un uomo in Via Montenapoleone a Milano ieri pomeriggio. Sono totalmente estraneo ai fatti". Il soggetto in questione, lo ricordiamo, aveva parcheggiato la Ferrari a cavallo tra due posti riservati ai disabili. 

"Il fatto che abbia parcheggiato l'auto all'interno dell'Arena di Milano qualche anno fa - continua Proto - non fa di me un parcheggiatore abusivo seriale e men che meno in posti dedicati alle persone disabili". Proto precisa che poi di non essere "l'unico imprenditore italiano residente a Lugano sulla faccia della terra".

Il 43enne sostiene inoltre che "chiunque abusi dei posti per invalidi senza averne il permesso dovrebbe aver ritirata la patente per 1 anno almeno".

Redazione | 18 set 2017 12:40

Articoli suggeriti
Un 59enne residente a Lugano ha parcheggiato la Ferrari nel posto per disabili, aggredendo il padre di un ragazzo
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'