Accedi
Commenti 22

"I vegani discriminati nella mensa del carcere?"

Un lettore nota che nelle carceri mancano le opzioni per i vegani. Ma il direttore Stefano Laffranchini risponde...

Vegani discriminati in carcere? E' quello che si chiede un lettore che, in una segnalazione tratta da Facebook, fa notare come nel menù delle carceri ticinesi manchino le opzioni vegane. Ci sono per i musulmani, per i vegetariani, per i celiaci, ma mancano quelli per chi decide di non mangiare niente che abbia origine dagli animali. Discriminazione? Dimenticanza? Abbiamo chiesto al Direttore delle Strutture Carcerarie Cantonali Stefano Laffranchini-Deltorchio:

“Abbiamo quattro cuochi che devono occuparsi dei pasti di 250 persone. Non possiamo pertanto corrispondere i menù al gusto di ogni persona. Facciamo però delle eccezioni, con menù apposta, per i detenuti con motivi medici o etici, quindi come nel caso dei vegani”.

MS

Redazione | 18 set 2017 10:38

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'