Accedi

Argo 1, un viaggio pagato per la funzionaria del Dss?

Nel 2014 Il titolare dell'azienda di sorveglianza avrebbe in parte offerto un soggiorno a lei e al suo compagno

Emergono nuovi dettagli legati al caso Argo 1.

Come anticipato dalla RSI, nel 2014 il titolare dell'azienda di sorveglianza avrebbe prenotato e in parte pagato una camera di albergo a Bormio, in Valtellina, alla funzionaria del Dss che si occupava degli asilanti per il Cantone, nonché compagna di Fiorenzo Dadò.

Per la procura non ci sarebbe alcuna rilevanza penale, ma gli interrogativi potrebbero sorgere sul legame tra la funzionaria e il titolare della Argo1, il quale ricevette il mandato diretto di oltre 3 milioni di franchi per la vigilanza dei centri di accoglienza.

Redazione | 16 set 2017 21:22