Accedi
Commenti 7

L'UDC sostiene Cassis: "E' il momento del Ticino"

Il ticinese ha incassato 45 voti, Isabelle Moret 11, Maudet zero. PPD e Verdi decideranno martedì prossimo

Colpo grosso oggi a Berna per il candidato ticinese al Consiglio federale Ignazio Cassis, che al termine dell'audizione davanti all'UDC ha incassato il sostegno del più importante gruppo parlamentare a Berna.

Tra i democentristi, in 45 si sono espressi a favore di Ignazio Cassis, in 11 per Isabelle Moret e nessuno per Pierre Maudet. L'UDC sosterrà quindi il ticinese il prossimo 20 settembre in occasione dell'elezione del successore di Didier Burkhalter.

"L'Udc - si legge nel comunicato ufficiale - continua a impegnarsi fedelmente per la concordanza. (...) La coesione della Svizzera e quindi una rappresentanza equa delle regioni geografiche e linguistiche del paese nel Consiglio federale costituiscono l'argomento decisivo per il gruppo. È per questo che l'Udc ha proposto il Consigliere di Stato ticinese Norman Gobbi durante l'ultima elezione del Consiglio federale. L'Udc spera anche che, con l'elezione di Ignazio Cassis, ci sarà una maggioranza di destra affidabile nel Consiglio federale".

Oggi Cassis è stato sentito anche dai gruppi di PPD e Verdi. Entrambi hanno rimandato la loro decisione a martedì prossimo.

All'uscita dalle audizioni, il 56enne ha detto che si è trattato di "un bell'esercizio. Penso di essere stato me stesso". Cassis ha proseguito: "sappiamo di rappresentare un partito e che le attese delle altre formazioni non sono necessariamente le stesse di quelle del PLR".

Cassis ha affermato di sentirsi a suo agio e di aver ricevuto una buona accoglienza davanti a ciascun gruppo. "Sapevo che cosa mi attendeva". Le audizioni e le domande si sono succedute in modo rapido e tutta una panoplia di temi è stata affrontata, ha concluso il ticinese.

 

Redazione | 12 set 2017 17:35

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'