Accedi
Commenti 10

"Prima i nostri" può avere la garanzia federale

Secondo il CF l'iniziativa è conforme al diritto federale, ma il margine di manovra del Cantone è "limitato"

A parere del Consiglio federale, le disposizioni approvate dagli aventi diritto di voto ticinesi volte a proteggere la manodopera indigena e a istituire la preferenza indigena possono essere interpretate in modo conforme al diritto federale. Propone pertanto al Parlamento di conferire la garanzia federale alle nuove disposizioni costituzionali ticinesi. Propone inoltre di accordare la garanzia federale anche alle costituzioni rivedute dei Cantoni di Turgovia, Vallese e Ginevra. Nella seduta del 16 agosto 2017 ha adottato il pertinente messaggio.

Il 25 settembre 2016 gli aventi diritto di voto ticinesi hanno accolto l'iniziativa popolare "Prima i nostri!", integrando quindi la costituzionale cantonale con disposizioni volte a proteggere la manodopera indigena e a istituire la preferenza indigena. Come scrive il Consiglio federale nel suo messaggio, si tratta di obiettivi che non sanciscono diritti e doveri di singoli né prevedono mandati legislativi concreti.

Conformemente alla costituzione riveduta, il Cantone deve vigilare affinché i trattati internazionali e le leggi estere vengano applicati tenendo conto dei diritti sociali e individuali cantonali nonché del principio della reciprocità. Sono pure completati gli obiettivi sociali, in particolare con la lotta contro il dumping salariale. Le autorità devono prendere in considerazione i nuovi obiettivi anche nei rapporti con l'estero.

Limitato margine di manovra

Il Consiglio federale constata che il margine di manovra del Canton Ticino nell'attuare le nuove disposizioni costituzionali in modo conforme al diritto federale è assai limitato. Rinvia in particolare alle prescrizioni federali relative al contratto di lavoro e alla protezione dei lavoratori, nonché alle disposizioni dell'Accordo sulla libera circolazione delle persone e della Convenzione AELS. Il Cantone dispone di un margine di manovra limitato anche per quanto riguarda il diritto degli stranieri, in particolare in seguito all'attuazione dell'articolo costituzionale sull'immigrazione. A parere del Consiglio federale, le nuove disposizioni costituzionali possono ciononostante essere interpretate in modo conforme al diritto federale ed è pertanto possibile accordare la garanzia federale.

Conferimento della garanzia ad altre costituzioni cantonali

Nel suo messaggio, il Consiglio federale propone inoltre al Parlamento di conferire la garanzia federale anche alle costituzioni rivedute dei Cantoni di Turgovia, Vallese e Ginevra. Tutti i disposti modificati sono conformi al diritto federale e prevedono:

  • Canton Turgovia: principi di pianificazione territoriale (controprogetto del Gran Consiglio all'iniziativa popolare "Sì ad un paesaggio rurale turgoviese intatto");
  • Canton Vallese: nomina dei procuratori pubblici con funzioni dirigenziali da parte del Gran Consiglio e introduzione di un'autorità indipendente di vigilanza sul potere giudiziario (Consiglio della magistratura);
  • Canton Ginevra: sistema elettorale maggioritario.
Redazione | 16 ago 2017 11:55

Articoli suggeriti
L'UDC esulta dopo che il Consiglio federale ha dichiarato l'iniziativa "Prima I Nostri" conforme al diritto federale
Marco Chiesa, tramite un'interrogazione, chiede al Consiglio federale di accelerare la redazione del messaggio
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'