Accedi
Commenti 91

"Avevamo le loro armi puntate alla testa"

Una famiglia di turisti degli Emirati Arabi denuncia l'arresto con la forza in Ticino. La Polizia: "Un errore"

Vacanze svizzere molto movimentate per una coppia con due figli degli Emirati Arabi. Secondo quanto riportato dal giornale emiratense The National, la famiglia sarebbe stata arrestata con la forza mentre si trovava nel nostro Cantone.

L'episodio è avvenuto giovedì scorso quando i turisti stavano viaggiando da Zurigo a Lugano con un'automobile noleggiata. La polizia ticinese ha intercettato il veicolo e ha ordinato agli occupanti di scendere. 

"Hanno puntato le loro armi alla mia testa e a quella di mia moglie", racconta il padre di famiglia, "Erano in sette agenti e ci parlavano in italiano, non capivamo niente".

L'uomo pensava di aver commesso un'infrazione alla guida ma dopo qualche istante ha capito che la situazione era più seria: "Ho detto a mia moglie di non opporre resistenza ed entrambi siamo stati ammanettati come dei criminali sotto gli occhi dei nostri figli".

Trasportati alla centrale di Polizia di Bellinzona gli sventurati sono stati interrogati "in modo aggressivo". L'uomo ha riferito di aver noleggiato l'automobile il 3 agosto in Austria, la quale secondo gli agenti era ricercata dal mese di luglio.

Una volta riconosciuta l'innocenza dei turisti, la Polizia li ha lasciati partire porgendogli le proprie scuse.

Intervistata dal giornale emiratense, la portavoce dell'Ufficio federale di polizia (Fedpol) Lulzana Musliu ha specificato che l'arresto della famiglia è avvenuto a causa di un errore: "Non eravamo alla ricerca della famiglia ma dell'automobile. Abbiamo dovuto procedere all'arresto e ai controlli per motivi di sicurezza, gli occupanti del veicolo rubato potevano rappresentare un minaccia". 

Dal canto suo, il padre della famiglia malcapitata sta valutando se denunciare le forze dell'ordine ticinesi, "Oltre ai maltrattamenti hanno anche rifiutato di mettermi in contatto con l'ambasciata del mio Paese".

 

Redazione | 15 ago 2017 12:30

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'